Stellantis investe sull’elettrico, 2,5 miliardi di dollari assieme alla Samsung, per avviare la produzione di un impianto di batterie negli Stati Uniti. L’avvio nel 2025, si prevedono 1400 posti di lavoro. Le due big company hanno sottoscritto accordi “vincolanti e definitivi”.

Il progetto realizzerà un impianto di produzione di batterie per veicoli elettrici, a Kokomo (nello stato dell’Indiana), impianto con una capacità produttiva – si legge nella nota stampa – annuale iniziale di 23 gigawattora, con l’obiettivo di aumentare a 33 Gwh. La joint venture investirà 2,5 miliardi di dollari ma l’investimento “potrebbe aumentare fino a 3,1 miliardi di dollari”.

“L’annuncio di oggi rafforza ulteriormente la nostra produzione di batterie a livello mondiale – spiega Carlos Tavares, Ceo della compagnia, che nacque dalla fusione tra i gruppi Psa e Fiat Chrysler Automobiles – e dimostra l’impegno di Stellantis nel voler creare quel futuro a zero emissioni di carbonio, già delineato nel piano Dare Forward 2030″. Tavares sottolinea il “solido punto d’appoggio nel mercato nordamericano, in rapida crescita nel segmento dei veicoli elettrici”, frutto della joint venture e delle sinergie attivate sul mercato americano.

Stellantis punta a vendere nel mondo 5 milioni di veicoli nel 2030, raggiungendo con i Bev – le auto ibride – il 100% del mix di vendite di autovetture in Europa, ed il 50% di autovetture e veicoli commerciali leggeri in Nord America. La strategia a lungo termine, prevede l’investimento di 35 miliardi di dollari entro il 2025, riversata nell’elettrificazione e nel software “a livello globale”.

A cura di Renato Lolli – Foto Ap

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui