Via libera alla moviola in campo.
L’International board della Fifa, l’organismo deputato alle modifiche del regolamento, che si è riunito a Cardiff, ha approvato la sperimentazione dell’uso della tecnologia in campo, per assistere l’arbitro in alcune decisioni molto difficili.

La novità storica verrà introdotta in forma di test e l’ultima decisione sugli episodi specifici, spetterà comunque all’arbitro.

“L’aspettativa non è di arrivare alla precisione del 100% nelle decisioni relative ad ogni singolo episodio, ma evitare decisioni chiaramente errate in situazioni predefinite che possono decidere una partita: gol, assegnazione di un rigore, episodi da espulsione diretta e scambio di persona”, si legge in un comunicato.

In base a quanto deciso, sarà un assistente dell’arbitro ad avere accesso ai replay durante la partita, su propria iniziativa o su richiesta del direttore di gara.

L’Ifab si incontrerà nelle prossime settimane con gli organizzatori delle competizioni interessate dalla sperimentazione e con i vertici della Fifa per elaborare un programma per i prossimi due anni.

Infantino: giornata storica – Sull’introduzione della moviola in campo, il neopresidente della Fifa, Gianni Infantino, eletto a fine febbraio, ha detto di avere preso “davvero una decisione storica per il calcio”.
“Stiamo ancora discutendo – ha aggiunto il numero uno del calcio mondiale – a questo punto non possiamo fermare il dibattito. Abbiamo dimostrato che stiamo ascoltando i tifosi e anche le richieste dei giocatori”.

Le altre novità – Inoltre, l’International Board ha modificato all’unanimità la norma che prevedeva la ‘tripla sanzione’, espulsione, rigore e squalifica, per chi commetteva un fallo che vanificava una chiara occasione da gol in area. In futuro il cartellino rosso scatterà solo nei casi di fallo violento o per impedire un gol altrimenti inevitabile.

La nuova formlazione della norma, così come proposta dalla Uefa, sarà soggetta a un periodo di prova di due anni. L’Ifab spiega che nella sua riunione odierna a Cardiff è stata attuata la più grande revisione delle norme del calcio in 130 anni di storia. Fra le norme modificate, una riguarda il calcio d’inizio: in futuro il pallone potrà infatti muoversi in qualsiasi direzione e non più necessariamente in avanti. Novità anche per quanto riguarda le cure mediche ai giocatori infortunati: chi ha subito un fallo da cartellino giallo (o rosso) potrà essere soccorso in campo anziché uscire e lasciare la propria squadra in inferiorità numerica. L’Ifab ha anche consentito la sperimentazione di una quarta sostituzione nei supplementari, in una competizione ancora da decidere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui