Pecco Bagnaia su Ducati il Re della MotoGp

Pecco Bagnaia ha conquistato il titolo mondiale della MotoGp, la classe regina del motociclismo. Al Gp di Valencia il pilota della Ducati si è piazzato nono al termine della ventesima e ultima gara in calendario vinta da Alex Rins su Suzuki davanti alla Ktm di Brad Binder e la Pramac di Jorge Martin.

Quarto Fabio Quartararo cui serviva la vittoria per difendere il titolo conquistato nel 2021 in caso di caduta da parte di Bagnaia o un piazzamento del pilota torinese oltre il 14mo posto.

Una vittoria che si può definire storica per più motivi. E’ la prima volta di un italiano in testa alla motogp dopo 13 anni: prima di lui, nel 2009 Valentino Rossi. E’ la prima volta della Ducati dopo 15 anni: l’ultimo è stato Casey Stoner nel 2007. Ed è la prima volta di un italiano in sella a una moto italiana dopo 50 anni: allora fu trionfo di Giacomo Agostini in Mv Agusta.

Nel corso del secondo giro i due danno anche vita ad un bel duello che dura qualche curva, con uno scambio di sorpassi da togliere il fiato viziati anche da un minimo contatto (la Ducati di Pecco perde anche un’aletta). L’italiano non vuole correre rischi e non forza il ritmo, scivolando anche alle spalle di Binder e Mir, mentre Quartararo prova a recuperare terreno su quelli davanti approfittando anche di una caduta di Marc Marquez nel corso del 10  giro. Anche la Yamaha però ha un ritmo più lento rispetto al gruppetto di testa e il francese, soltanto nel finale, riesce a riportarsi a contatto con il gruppo di testa. Pecco invece resta piu’ staccato e sembra accontentarsi di una gara tranquilla, facendosi sfilare anche da Oliveira, Marini e Bastianini in sequenza, tagliando il traguardo da nuovo campione del mondo.

A cura di Simone Tripodi – Foto Skysport

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui