TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

MIGLIAIA DI PERSONE NELLE PIAZZE

Migliaia di persone sono scesi in strada nel centro città a Milano contro l’obbligo del Green Pass in molti luoghi pubblici al chiuso. I manifestanti urlano “libertà, libertà“, in testa lo striscione con la scritta “Fuori i Big Pharma dallo Stato. No alle multinazionali“. Il corteo da piazza Duomo e Galleria Vittorio Emanuele si è fermato in piazza della Scala davanti alla sede del Comune, dove i manifestanti hanno scandito insulti contro il presidente del Consiglio, Mario Draghi, In corteo si vedono stelle di David con la scritta “non vaccinati =ebrei” e dei cartelli con le svastiche che sono paragonate al Green Pass.

La piazza è presidiata dalle forze dell’ordine in tenuta anti sommossa. Tensione anche con i giornalisti: i manifestanti hanno urlato “venduti” e hanno cercato di allontanarli anche a spintoni.

È iniziata con una raccolta firme contro il green pass davanti al gazebo allestito nei giardini Cesare Balbo la giornata di protesta a Torino. “Vogliamo dare voce – hanno spiegato gli organizzatori – ad una fetta di società contraria a questo tipo di obbligo discriminatorio e spaventata da cosa sta succedendo.

Persone non tutte contrarie al vaccino, ma tutte contro il green pass. Poi il corteo in via Po davanti uno striscione con su scritto “uniti per la libertà di scelta contro ogni discriminazione”. Tra i partecipanti ci sono anche alcuni attivisti dei centri sociali. Bloccati gli autobus dove i manifestanti hanno invitano i passeggeri a scendere e a unirsi alla marcia gridando “ma per svegliarvi avete bisogno di avere una stella gialla sul petto?”. Lo slogan più urlato “Norimberga Norimberga“, richiamando al processo ai nazisti dopo la fine della Seconda guerra mondiale.

Da Torino a Roma a piazza del Popolo dove al grido di “no al Green Pass” e “libertà'” decine di persone hanno sventolato una grande bandiera tricolore. In pochi indossano le mascherine.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *