Le precipitazioni saranno inizialmente di debole intensità e nevose anche a quote basse, poi dalla tarda mattinata di venerdì il limite delle nevicate tenderà gradualmente a salire fino a oltre 1000-1200 metri, ma con valori oltre i 1500 metri sui settori sud e sudest.La quota neve sarà di 200 metri fino alle 24 di oggi, giovedì, mentre domani scenderà a 100 metri da mezzanotte alle 6, per crescere a 400 dalle 6 alle 12, a 1000 dalle 12 alle 18 e a 1300 dalle 18 alle 24. L’intensità sarà “massima” dalle 12 di venerdì alle 6 del mattino di sabato, per poi scemare. Le scuole resteranno aperte ma in Alta Val di Non, Val di Fassa e Val di Sole domani concluderanno l’attività al termine della mattinata, per permettere ai servizi di trasporto pubblico di operare in sicurezza raggiungendo tutte le zone di rientro a casa degli alunni. Gli istituti coinvolti saranno contattati direttamente dagli uffici provinciali.
La Protezione civile del Trentino ha emesso un avviso di allerta ordinaria (gialla). Sulle strade della Provincia sono stati allertati i presidi per la neve e sono pronti i circa 300 mezzi, tra pubblici e privati, che lavorano per la Provincia per la gestione delle strade statali e provinciali. A questi mezzi si aggiungono quelli dei comuni. Non si prevedono particolari problemi per il reticolo idrografico principale, anche se non si possono escludere problemi a livello del reticolo minore.Grande attenzione sarà riservata ai siti valanghivi e alle linee aeree, come elettrodotti e impianti di risalita. La neve è arrivata puntuale questa mattina a Bolzano. Ancora per qualche ora nevicherà in gran parte dei fondovalle, in tutto l’Alto Adige. Di seguito il limite potrà alzarsi fino a 800 metri a seconda dell’intensità della precipitazione. Una valanga ha investito un’autovettura che stava transitando sul tratto austriaco della statale del Brennero, tra gli abitati di Schoenberg e Matrei. Il guidatore è rimasto illeso. La slavina, di un fronte dieci metri, si e’ staccata da un pendio che sovrasta la strada, spingendo l’auto verso il guardrail. La commissione valanghe e il servizio strade del land Tirolo erano già sul posto per valutare la situazione. La strada ora è chiusa al traffico in entrambi le direzioni.

Liguria La perturbazione sulla Liguria continua a portare neve nell’entroterra di centro-Ponente, piogge diffuse, locali episodi di gelicidio (possibili nelle zone al confine fra neve e pioggia) e mareggiate su tutte le coste. Per questo motivo Arpal ha aggiornato l’allerta. Per quanto riguarda la neve, nei comuni interni del Ponente è Gialla fino alle 23.59 di oggi, nei comuni interni della parte centrale della regione, in Valle Stura ed entroterra savonese fino alla val Bormida, ed in Valle Scrivia, Val d’Aveto e Val Trebbia è Arancione fino alle 21 di oggi, poi Gialla fino alle 23.59. Nuovamente Gialla domani fino alle 18. Per quanto riguarda la pioggia, nell’ estremo Levante è allerta Gialla dalle 15 alle 18, Arancione fino alle 8 di domani, sabato, quindi ancora Gialla fino alle 15 sempre di domani. Nel centro, l’allerta è Gialla dalle 15 di oggi alle 15 di domani, nell’entroterra e in Valle Scrivia, val d’Aveto e Val Trebbia) è Gialla fino alle 23.59. Toscana Codice arancione per piogge abbondanti e temporali sui rilievi e rischio idrogeologico e idraulico sulla Toscana settentrionale, in particolare Garfagnana, Lunigiana, Versilia, Mugello, Val di Bisenzio e Ombrone pistoiese dalle 14 di oggi, venerdi’, alle 20 di domani, sabato 2 febbraio. Lo ha emesso la Sala operativa unificata permanente in seguito alle previsioni meteo che annunciano un intenso flusso di scirocco con piogge che interessera’ la Toscana per i prossimi due giorni. Sul resto della regione, codice giallo sempre per piogge e temporali sparsi con rischio idrogeologico e idraulico, mare agitato e vento forte fino alla mezzanotte di domani, sabato.

Pioggia e temporali – Nel corso del pomeriggio graduale intensificazione delle precipitazioni che tenderanno a divenire particolarmente persistenti con temporali sparsi, sui rilievi settentrionali. La fase più intensa al momento sembra essere quella a partire da meta’ pomeriggio di oggi, venerdì, alla nottata di sabato, quando le precipitazioni potranno assumere anche carattere di forte intensità. Successivamente le precipitazioni saranno piu’ intermittenti e a carattere sparso. Si segnala anche zero termico fino oltre i 2000 metri con conseguente fusione del manto di neve esistente con possibili apporti di ulteriori millimetri ai cumulati previsti sulle zone montane. Oggi, venerdì, vento forte meridionale in particolare sull’Arcipelago, sulla costa e sui rilievi. Domani, sabato, ancora vento forte sulle zone orientali in particolare sui rilievi, ma in attenuazione. Mare – agitato oggi, venerdì. Domani, sabato, ancora mare agitato nella notte e fino alle prime ore del mattino. Ecco le previsioni generali per Nord, Centro, Isole e Sud Previsioni del tempo in Italia fornite dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare. SITUAZIONE: correnti umide e temperate mediamente sud-occidentali interessano la penisola, specie le aree tirreniche ed il nord dove, sulle zone centro-occidentali, permane un cuscinetto di aria fredda; un sistema nuvoloso di origine atlantica dalla penisola iberica si muove velocemente verso il Mediterraneo occidentale e successivamente in direzione del nostro

TEMPO PREVISTO FINO ALLE ORE 06.00 DI DOMANI: NORD – cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni sparse sulle aree costiere adriatiche, diffuse sulle restanti aree; i fenomeni risulteranno nevosi su Alpi e Prealpi centro-orientali, Appennino ligure fino a quote intorno ai 5-600 metri e fino in pianura su Piemonte e Lombardia ma con quota neve in rialzo; quantitativi di precipitazioni abbondanti si potranno avere su Liguria, specie settore di Levante, Friuli-Venezia Giulia e nel corso della notte anche su aree alpine e prealpine fra Lombardia nord-orientale e Veneto; riduzioni di visibilita’ oltre che per i fenomeni anche per foschie diffuse e banchi di nebbia in vallate e pianure. CENTRO E SARDEGNA – molte nubi ovunque con piogge diffuse su Sardegna, Lazio, Umbria, settore appenninico di Marche e Abruzzo e sulla Toscana, anche abbondanti a ridosso delle Alpi apuane; piogge solo isolate sulle restanti aree adriatiche; foschie diffuse ed isolati banchi di nebbia nelle aree interne. SUD E SICILIA – molto nuvoloso sulle regioni peninsulari con piogge sparse fra Campania settentrionale e Molise; poco o parzialmente nuvoloso sulle restanti regioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui