È provocata dal vortice ciclonico Poppea la perturbazione, definita in alcuni casi “violenta,” che si abbatterà già da stasera su gran parte dell’Italia.

Il vento soffierà dapprima di Libeccio e Scirocco con raffiche anche oltre i 100 km/h, poi di Ponente e Maestrale con altrettanta intensità

Il ciclone, proveniente dalla Francia, arriverà partendo dal Mar Ligure, con piogge torrenziali sulla regione, poi toccherà la Sardegna, quindi Toscana, Lazio e parte della Campania. Le coste esposte saranno coinvolte da venti di burrasca e mareggiate intense. Previste onde che potrebbero raggiungere anche i 7 metri di altezza.

Poppea si dirigerà anche verso l’alto Adriatico e il Triveneto dove si potranno verificare dei vortici sulla laguna di Venezia con forti piogge e violente raffiche di vento. Prevista l’acqua alta.

Il calo delle temperature porterà nevi copiose sulle Alpi orientali a partire dai 7-800 metri. Neve prevista anche sugli Appennini dai 1300 metri in su.

Per la serata di martedì, dopo aver lambito la Calabria, Poppea abbandonerà l’Italia spostandosi sui Balcani. Da mercoledì il sole tornerà su quasi tutte le regioni ma le temperature rimarranno rigide.

Nell’ultimo week end di novembre sarà previsto di nuovo il ritorno delle piogge.

A cura di Claudio Piselli – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui