Matteo Renzi Senatore di Italia Viva bacchetta le altre opposizioni

Il gruppo di Azione e Iv voterà no alla fiducia al governo Meloni per le ragioni che hanno ben argomentato i colleghi che mi hanno preceduto Se la maggioranza vorrà sfidarci sull’elezione diretta del presidente del consiglio, quello che noi abbiamo chiamato il sindaco di Italia, noi ci saremo. Il punto fondamentale è che se c’è un’apertura sulle riforme costituzionali un no a prescindere è sbagliato“. Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, nelle dichiarazioni di voto alla fiducia al governo, in corso al Senato.

Applausi e risate dal centrodestra e dal governo per l’intervento del leader di Italia Viva, quando prende di mira le opposizioni, ree di aver criticato il “merito” e la “sovranità alimentare” nei nuovi nomi dei ministeri del governo Meloni. “Ma come – dice rivolto a Simona Malpezzi (Pd) – eri al governo quando parlavi di merito a scuola?“. La presidente del Consiglio ride di gusto, come lei anche Tajani e altri ministri. Renzi difende anche le scelte lessicali di Meloni, “il” presidente del Consiglio. “Per me può anche scegliere un asterisco – prosegue- intanto è la prima donna a palazzo Chigi. Andarla ad attaccare sulla rappresentanza femminile è masochismo“. Ancora applausi e risate, anche da un ammirato Silvio Berlusconi.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui