Marino

Una giornata decisamente impegnativa quella di ieri, quando il Campidoglio è stato preso d’assalto dai manifestanti e il sindaco Ignazio Marino ha infine comunicato le proprie dimissioni.

“Mi dimetto. Dal lavoro che ho impostato passa il futuro della città”. L’addio arriva in seguito alle polemiche degli ultimi giorni, in merito alle spese effettuate con la carta di credito del Comune: “Non nascondo – ha scritto Marino in una nota – di nutrire un serio timore che immediatamente tornino a governare le logiche del passato, quelle della speculazione, degli illeciti interessi privati, del consociativismo e del meccanismo corruttivo-mafioso che purtroppo ha toccato anche parti del Pd e che senza di me avrebbe travolto non solo l’intero Partito democratico ma tutto il Campidoglio”.

Ora si prospettano le elezioni nella prossima primavera. Intanto il governo dovrebbe commissariare il Comune. C’è già un nome che circola in ambienti dem ed è quello del prefetto di Roma Gabrielli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui