EMMANUEL MACRON

La Francia passa tutta in zona rossa per quattro settimane: lo ha annunciato il presidente Emmanuel Macron, in un discorso alla nazione trasmesso su tutte le tv.

“Le regole in vigore per la regione di Parigi e nei 19 dipartimenti in vigilanza rafforzata saranno estese a tutto il territorio metropolitano da sabato sera e per quattro settimane”, compresa la chiusura dei negozi non essenziali e il coprifuoco dalle 19.

“Il virus circola velocemente, nessuna regione è oggi risparmiata”, ha aggiunto. Macron sottolineato che “la crisi sanitaria dura da oltre un anno, un anno di dolore, di prove”. Si è trattato di “un anno di sforzi per tutti, di angosce, di sacrifici: un anno in cui tutti insieme abbiamo resistito e imparato”. Ma, ha continuato Macron, “dobbiamo resistere ancora…se noi restiamo uniti, solidali, se noi sapremo organizzare le prossime settimane, allora vedremo la luce in fondo al tunnel”. Sui vaccini bisogna “accelerare”, ha più volte affermato il presidente. “Noi mettiamo tutti i mezzi per vaccinare, vaccinare senza riposo, tutti i giorni, il sabato, la domenica”.

Con le vaccinazioni, secondo Macron, “l’uscita dalla pandemia è ormai visibile”. In Francia sono 250 mila tra pompieri, veterinari, farmacisti e operatori sanitari mobilitati per le vaccinazioni anti Covid. “Abbiamo già aumentato a 7.000 il numero dei posti letto in rianimazione, tra alcuni giorni arriveremo a 10 mila posti letto”, ha aggiunto.
Macron “ha fatto appello alla mobilitazione” contro il Covid “per il mese di aprile”, affermando che nella battaglia contro la pandemia i tre principi a cui bisogna ispirarsi sono “sicurezza, responsabilità ed equilibrio”. “Se non agiamo la situazione andrà fuori controllo. Quello che vi chiedo, quindi, questa sera è uno sforzo ulteriore”.

“Chiudiamo le scuole per 3 settimane”
La Francia, dopo un anno, richiude le scuole, ha poi annunciato Macron. Da martedì prossimo sono previste una settimana di insegnamento a distanza, poi due settimane di vacanze per tutti (come era previsto ma senza diversificazioni regionali), quindi dal 26 aprile il rientro per materne ed elementari con medie el icei a distanza. Dal 3 maggio, tutti di nuovo in classe. “Abbiamo commesso errori” “Noi possiamo dire che avremmo potuto fare meglio, che abbiamo commesso errori. Tutto questo è vero, ma noi abbiamo imparato e qualche volta abbiamo migliorato”, ha infine detto Macron a conclusione del suo discorso alla nazione, esortando “nel mese che viene a mobilitarci per i più fragili, per proteggere i nostri figli e permettere loro di continuare a imparare e preparare loro il Paese, il continente, il mondo al quale hanno diritto”. “Noi resteremo uniti e determinati”, ha ribadito.

A cura di Stefano Severini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui