Il caso di Lucia Annibali, avvocato di Pesaro aggredita e sfregiata dall’ex fidanzato con dell’acido nel 2013, aveva indignato e scosso l’opinione pubblica. Oggi la Cassazione ha reso definitive tutte le condanne di Luca Varani, l’aggressore, che ora dovrà scontare 20 anni di carcere, insieme ai due albanesi che lo avevano aiutato: Altistin Precetaj e Rubin Talaban. Per loro è diventata definitiva la condanna a 12 anni.

La prima Sezione penale ha bocciato i ricorsi della difesa, pertanto l’ex fidanzato di Lucia Annibali è stato condannato come mandante dell’agguato con l’acido.

La sentenza di appello è stata in tal modo riconosciuta valida per tutti i capi di imputazione: tentato omicidio, lesioni gravissime e stalking. Lucia Annibali, che si è costituita parte civile nel processo, ha assistito in aula alla lettura della sentenza insieme ai genitori. “Voglio dare un messaggio di speranza: la mia è una storia di speranza per tutti”, ha detto dopo la conferma della condanna. “Questa parte del processo è finita – ha spiegato – mi sono tolta un peso che era rimasto sospeso. E’ una giornata di svolta, dal passato al futuro, dopo tre anni. Ora vorrei reinserirmi nella società come una donna normale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui