VOLODYMYR ZELENSKY PRESIDENTE UCRAINO

Il ritorno dalla Turchia in Ucraina dei combattenti ex prigionieri di guerra del battaglione Azov “è una violazione delle condizioni di accordi vigenti”, sia da parte di Kiev che di Ankara. Lo ha denunciato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, dopo che il presidente Volodymyr Zelensky ha  annunciato il suo ritorno a Kiev dopo la missione a Istanbul con cinque comandanti dell’Azov, che la Russia aveva consegnato a settembre alla Turchia a condizione che non lasciassero il Paese. “La Russia non e’ stata informata del  trasferimento dei comandanti dell’Azov dalla Turchia”, ha aggiunto Peskov citato da Ria Novosti.

 A cura di Stefano Severini – Foto ImagoEconomica 

Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui