Non fu un incidente aereo, ma un disastro provocato intenzionalmente. Le prime indicazioni emerse dall’esame delle scatole nere è che il Boeing di China Eastern, schiantatosi al suolo il 21 marzo con 123 passeggeri e 9 componenti dell’equipaggio, è stato fatto precipitare di proposito e non è chiaro se per scelta di qualcuno che si trovava nella cabina, di un pilota o di un intruso.

Lo riferisce il Wall Street Journal, dando conto delle ricostruzioni preliminari dell’incidente.

L’aereo stava viaggiando ad alta quota quando cambiò improvvisamente la rotta per andarsi a schiantare in picchiata e senza alcun allarme o richiesta d’aiuto sulle montagne impervie di Wouzhou. Si è trattato del  disastro aereo più grave degli ultimi 28 anni in Cina.

I dati di volo hanno indicato che qualcuno presente nella cabina di pilotaggio ha fatto precipitare intenzionalmente il Boeing 737-800 di China Eastern. Questo secondo alcune fonti che hanno avuto accesso alla valutazione preliminare, condotta dai funzionari Usa, sulle cause della tragedia costata la vita a 132 persone. L’aereo era perfettamente funzionante e avrebbe semplicemente risposto ai comandi, resta da capire impartiti da chi, che lo hanno portato dalla navigazione in alta quota fino all’improvvisa discesa quasi verticale alla velocità del suono e poi allo schianto e alla polverizzazione in quasi 50.000 pezzi del velivolo.

I dati di una delle due scatole nere recuperate (la seconda era in condizioni definite come ‘problematiche’) hanno infatti suggerito che gli input ai comandi hanno spinto l’aereo nella picchiata fatale, ha scritto il Wsj. Ufficialmente l’indagine è gestita dalle autorità cinesi, ma l’analisi delle scatole nere è finita nelle mani di un team investigativo occidentale, negli Usa: situazione che ha creato malumori tra le parti.

Il volo MU-5735 era decollato dall’aeroporto di Kunming Changshui il 21 marzo, poco dopo le 13 locali (le 6 in Italia) diretto a Guangzhou, il capoluogo del Guangdong, mentre circa un’ora dopo aveva perso quota senza lanciare allarmi o segnali. A circa 40 secondi dallo schianto il Boeing aveva ripreso leggermente quota, ma alle 14.23 il radar di terra aveva smesso di ricevere segnali fino all’ultima parte del volo in picchiata e dell’impatto devastante sull’area montuosa di Wuzhou, nel Guangxi. Difficile attribuire al momento le responsabilità, anche se secondo il Wall Street Journal l’attenzione si sarebbe concentrata sul comandante.

A cura di Stefano Severini  – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui