La famiglia di Nicky Hayden ha chiesto 6 milioni di euro di risarcimento all’automobilista coinvolto nell’incidente che ha portato alla morte del pilota statunitense il 22 maggio 2017. Come riporta “Il Resto del Carlino”, la lettera con la richiesta di risarcimento è stata inviata alcune settimane fa agli avvocati del ragazzo, un 31enne di Morciano. Esistono perizie contrastanti sulle responsabilità dell’incidente: perizie disposte dalla Procura, dai legali della famiglia del pilota e da quelli del ragazzo di Morciano. Il processo per omicidio stradale si aprirà mercoledì 10 ottobre a Rimini.

Mercoledì 17 maggio 2017, mentre si stava allenando in bicicletta, Hayden ha impattato con una Peugeot guidata da un residente di Morciano di Romagna (rimasto illeso). Hayden è stato scaraventato sul cofano dell’auto, sfondandone il parabrezza. Le lesioni accertate hanno evidenziato un trauma addominale con fratture multiple al bacino, una delle quali esposta, e un grave trauma cranico che ha generato una vasta emorragia cerebrale non operabile. Hayden si è spento il 22 maggio, dopo 5 giorni in rianimazione, all’età di 35 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui