La Procura di Livorno ha chiesto l’ergastolo per Fausta Bonino, l’infermiera di 57 anni ritenuta responsabile fra il 2014 e il 2015 della morte di dieci pazienti dell’ospedale di Piombino ai quali avrebbe somministrato iniezioni di eparina durante la loro degenza. L’udienza si è tenuta a porte chiuse dopo che la difesa ha chiesto e ottenuto di poter accedere al rito abbreviato.

Il reato ipotizzato nei suoi confronti è omicidio plurimo aggravato e continuato. Parallelamente – ma in un diverso procedimento da tenersi con rito ordinario – è stato rinviato a giudizio per omicidio colposo anche Michele Canalis, il primario del reparto di anestesia e rianimazione dell’ospedale di Piombino dove si sono verificati i fatti poiche’ non avrebbe vigilato adeguatamente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui