Covid e lavoro, dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 aprile i casi segnalati all’Inail sono stati 260.750, pari a circa un quinto del totale delle denunce di infortunio pervenute da gennaio 2020.

In particolare da gennaio ad aprile del 2022 sono state oltre 63 mila le denunce pervenute all’Istituto. E gli indennizzi, per chi ha contratto il virus, sono quasi interamente costituiti da inabilità temporanee (99%), con il restante 1% suddiviso tra menomazioni permanenti (circa lo 0,7%) e rendite a superstiti per casi mortali (inferiori allo 0,3%).
Questi i dati che emergono dal 27esimo report nazionale sulle infezioni di origine professionale da nuovo coronavirus.

A cura di Elena Giulianelli – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui