Il ministro degli Interni ucraino Denys Monastyrskyi è morto nello schianto dell’elicottero caduto vicino ad un asilo a Brovary, nella regione di Kiev.
Tra le vittime anche il suo vice Yevhen Yenin e il segretario di Stato del Ministero degli affari interni, Yurii Lubkovich.
Lo riferiscono i media ucraini citando il capo della polizia nazionale Ihor Klymenko, precisando che 9 dei morti erano a bordo dell’aeromobile. In totale le vittime sarebbero almeno 18, tra loro anche dei bambini.
“Da quasi un anno la Russia sta perseguendo una strategia della distruzione e del terrore, provando a sottomettere il popolo ucraino. Abbiamo assistito a questa strategia a Bakhmut, a Soledar e, piu’ di recente, a Dnipro. Ma gli ucraini stanno resistendo e l’Unione europea continuerà a sostenerli per tutto il tempo necessario con il nostro sostegno militare grazie all’aumento della Peace facility europea” e “personalmente sono d’accordo con la fornitura di carri armati all’Ucraina”. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, nel suo intervento al Parlamento europeo a Strasburgo.

Gli Usa e i suoi alleati vogliono mettere in pratica “una soluzione finale” contro la Russia “come Hitler per gli ebrei” ha detto il ministro degli Esteri di Mosca, Serghei Lavrov in conferenza stampa a Mosca.
A cura di Stefano Severini – Foto ImagoEconomica 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui