TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

IN PERU’ IL TASSO PIU’ ALTO DEI MORTI

Il Perù registra il più alto tasso di mortalità per Covid-19 al mondo, non ci sono praticamente più posti liberi nelle terapie intensive, nonostante nelle scorse settimane il numero complessivo dei casi sia diminuito. Ad oggi, solo l’11% della popolazione ha ricevuto la prima dose di vaccino e meno del 4% è completamente vaccinata. Il personale medico lavora senza sosta, ma le risorse sono insufficienti per soddisfare i bisogni.

Medici Senza Frontiere (MSF) ha esteso il suo intervento aprendo un nuovo progetto a Cusco, nel sud-est del Perù, per fornire cure ai pazienti critici che hanno bisogno di ossigeno nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Antonio Lorena.

“La sfida principale oggi è aiutare i pazienti in condizioni gravi e critiche. Non ci sono praticamente più posti letto disponibili nelle unità di terapia intensiva, spesso occupate per lunghi periodi da pazienti gravi”, ha detto Francesco Segoni, responsabile dei progetti di Msf in Perù, “Le scorte di ossigeno sono insufficienti e inoltre il basso numero di vaccinati lascia la popolazione esposta al virus e il sistema sanitario sotto pressione”.

Il 31 maggio il Ministero della salute peruviano ha reso noto il numero di decessi Covid-19 dall’inizio dell’epidemia. Dopo un ricalcolo, il numero totale delle vittime è ora di oltre 180.000, contro le 69.300 del conteggio precedente, attribuendo così al paese il numero più alto di vittime Covid al mondo per milione di persone e portandolo al quinto posto per numero di decessi in termini assoluti. “La presenza di più varianti, unita a una capacità insufficiente di effettuare test e una bassa percentuale di popolazione protetta, può portare a un nuovo aumento dei contagi”, ha affermato Segoni.

A cura di Stefano Camerini – Foto Imagoeconomica

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *