Ricordiamo il lancio della Q2 normale, avvenuto più di due anni fa, a cui però non era seguita nessuna versione di serie.
La cosa aveva lasciato un po’ a bocca asciutta il pubblico, e noi tutti infatti non pensavamo di doverci ricredere su un possibile successore del Q2. E invece proprio ora, in occasione del Salone dell’Automobile di Parigi, che aprirà il 4 ottobre e accoglierà appassionati da tutto il mondo fino al 14, Audi lancia la versione più sportiva e accattivante del suv piccolo della Casa degli Anelli. Si tratta dell’SQ2, abbiamo già visto comparire sul web le prime immagini e alcune importanti informazioni.
Dalle fotografie che circolano in rete riusciamo solo a vedere il frontale, ma quello che già sappiamo è che monterà il classico 2.0 TFSI, in grado di sprigionare la potenza unica di ben 300 Cv e 400 Nm di coppia, lo stesso che viene usato anche per Golf R, Seat Leon Cupra e Audi S3. L’auto garantisce quindi ottime prestazioni, con una velocità massima raggiungibile di 250 km/h e uno scatto da 0 a 100 km/h in 4.8 secondi.
Audi SQ2 ha il cambio DSG a 7 rapporti a doppia frizione e la trazione integrale, la grande qualità che consente al veicolo di non perdere mai neanche un granellino di coppia e nessun cavallo, con prestazioni sempre esaltate all’ennesima potenza. Le novità non finiscono qui, infatti sono stati fatti dei ritocchi all’assetto, che è stato ribassato di 20 mm, e all’impianto frenante, che oggi può vantare dischi anteriori da 340 mm e posteriori da 310 mm.
Non possiamo parlare soltanto delle prestazioni eccezionali, ma dobbiamo dare importanza anche all’estetica, quello che colpirà tutti i visitatori della kermesse parigina. La mascherina dell’Audi SQ2 ha otto listelli verticali, che ne incattiviscono lo sguardo frontale, sembrano quasi i denti di un predatore pronto ad azzannare la sua preda. Nuovi cerchi in lega da 18’’, disponibile anche l’opzione da 19’’, due belle coppie di scarichi sul retro, alettone e estrattore posteriori. Tante le novità quindi anche sull’aspetto del nuovo suv della Casa.
Ancora non sappiamo nulla invece degli interni, nessuna foto e nessuna informazione, ma non potranno di sicuro mancare i sedili sportivi e altri dettagli che comunicheranno quanto è cattiva l’SQ2, che mangerà il terreno. Manca poco e potremmo vedere coi nostri occhi, al Salone di Parigi, tutti i dettagli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui