NELLA FOTO I CANADAIR IN AZIONE SU MONTE GRADARA FINO AL TRAMONTO PER EVITARE CHE IL FUOCO RAGGIUNGESSE LE VILLE DI ROMITELLO AEREI ANTINCENDIO VIGILI DEL FUOCO INCENDI

A 53 giorni dal trionfo di Wembley, l’Italia campione d’Europa non va oltre l’1-1 con la Bulgaria a Firenze in una partita valide per le qualificazioni ai Mondiali del 2022.

Per gli azzurri, che restano sempre in testa al girone C, c’è comunque la soddisfazione di aver eguagliato il record di 35 partite senza sconfitte che appartiene a Spagna e Brasile. E già domenica a Basilea contro la Svizzera c’è l’occasione per aumentare la striscia positiva e tenere a debita distanza gli svizzeri che in classifica ci seguono, staccati di 4 punti, anche se con una gara in meno.

Cronaca della partita – Al ‘Franchi’ sono due le novità rispetto alla finale europea di Londra per Mancini. Il ct schiera infatti dal 1’ Alessandro Florenzi e Andrea Acerbi al posto di Giovanni Di Lorenzo e Giorgio Chiellini. Per il resto, confermato l’undici che ha battuto l’Inghilterra nella finale degli Europei con Gigio Donnarumma in porta; Leonardo Bonucci ed Emerson a completare la difesa; Niccolò Barella, Jorginho e Marco Verratti a centrocampo; Federico Chiesa, Ciro Immobile e Lorenzo Insigne nel tridente d’attacco.

Petrov, tecnico della Bulgaria, schiera i suoi col 4-4-1-1: Georgiev; A.Hristov, Antov, P.Hristov, Nedyalkov; Kostadinov, Vitanov, Yankov Despodov; Yomov;  A.Iliev.

Si parte con due tentativi di Insigne e Despodov, subito prima del vantaggio azzurro al 16’: Chiesa riceve sulla fascia destra, salta un paio di avversari e si accentra, trova un triangolo involontario col difensore bulgaro A.Hristov che nell’anticipare Immobile gli ‘serve’ un pallone perfetto, poi chirurgico rasoterra di sinistro dal limite del bianconero che batte il portiere Georgiev, 1-0.

Italia in controllo, ma, a sorpresa, arriva il pari bulgaro in contropiede: sulla sinistra Despodov vince il duello in velocità con Florenzi arriva sul fondo e mette un bel cross per Atanas Iliev, l’attaccante dell’Ascoli anticipa Bonucci e batte Donnarumma, 1-1 (39’). A fine primo tempo Italia vicinissima al nuovo vantaggio sulla giocata personale di Insigne, ma il portiere si salva parando con i piedi (44’).

Nella ripresa dentro Delev per Yomov tra i bulgari (46’). I ragazzi di Mancini premono sull’acceleratore e chiudono la Bulgaria nella propria metà campo. Ci provano Immobile e Chiesa, senza fortuna. Nella Bulgaria entra Chochev (per Yankov al 57’). Grande chance per Chiesa al 62’, ma anche stavolta è attento il numero 1 dei bulgari Georgiev e salva la sua porta.

Mancini inserisce Cristante e Toloi al posto di Barella e Florenzi (64’), Petrov manda in campo Krastev al posto dell’autore del gol, Atanas Iliev (70’).

Doppio cambio sia nell’Italia (Berardi e Raspadori per Insigne e Immobile al 76’) sia nella Bulgaria (Kirilov e Marilov per Vitanov e Despodov al 77’).

Nel finale, con le poche forze rimaste a questo punto della stagione, gli azzurri ci provano, specie con Berardi e Raspadori. Dentro anche Pellegrini (al 90’ per Emerson), ma il risultato non cambia, finisce 1-1.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Galassi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui