TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

FORMIGONI RESTA IN CARCERE

l sostituto procuratore generale di Milano Antonio Lamanna ha respinto la richiesta di sospensione dell’ordine di carcerazione emesso venerdì scorso nei confronti di Roberto Formigoni in seguito alla condanna definitiva a 5 anni e 10 mesi per il caso Maugeri-San Raffaele.

Il pg contestualmente ha trasmesso il provvedimento di rigetto dell’istanza di detenzione domiciliare della difesa alla Corte d’appello affinché, tramite un incidente di esecuzione, si esprima sulla richiesta avanzata dai legali dell’ex governatore della Lombardia.

Tre giorni fa i legali di Formigoni, prima che l’ex governatore varcasse la soglia del carcere di Bollate, avevano presentato, infatti, al sostituto pg un’istanza per chiedere la sospensione dell’ordine di carcerazione e l’applicazione della detenzione domiciliare da ultrasettantenne.
Nella richiesta, in particolare, la difesa ha sostenuto che le nuove norme della ‘spazzacorrotti’, che ha imposto una stretta sulle misure alternative al carcere per i condannati per corruzione, non possono essere retroattive ed essere, quindi, applicate ad un condannato per fatti-reato commessi prima dell’entrata in vigore della legge. Il pg, però, nel suo provvedimento, appena depositato, respinge la tesi dei legali, spiegando che sarebbe “irragionevole” procrastinare “l’applicazione della norma” ad anni “di distanza dalla sua entrata in vigore” e, dunque, non può valere il principio dell’irretroattività e ciò anche sulla base di una recente sentenza della Cassazione.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *