Avrebbero fatto prostituire almeno tre ragazze di nazionalità romena di 16 e 17 anni, una delle quali incinta al settimo mese, i sei indagati dalla Dda di Bari e dalla procura per i minorenni, tutti romeni appartenenti allo stesso nucleo familiare, ora in carcere per i reati di riduzione in schiavitù, prostituzione minorile e sequestro di persona.

I sei fermati – che vivono in un campo nomadi a Foggia – sono una coppia, i loro tre figli (due dei quali minorenni) e una 26enne compagna di uno dei ragazzi. Una delle ragazze sarebbe stata pestata con calci, pugni e persino cinghiate.

I fatti contestati dai pm Simona Filoni e Caterina Lombardo Pijola risalgono al periodo compreso tra marzo e settembre 2018. L’indagine nasce dalla fuga di una delle tre vittime, avvenuta nella notte del 3 settembre scorso dal campo rom di Via San Severo, a Foggia, “riuscita a fuggire – spiegano gli inquirenti – dopo essere stata selvaggiamente pestata con calci, pugni, schiaffi e cinghiate, sferrati in ogni parte del corpo, sulla faccia, sulla pancia e dietro la schiena, nonché trascinata per i capelli, facendola strisciare per terra, all’interno della baracca nella quale veniva segregata, da uno dei fermati”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui