L’Autorità finlandese per le radiazioni e la sicurezza nucleare ha rilevato una piccola quantità di isotopi radioattivi vicino alla città di Kotka, situata nella parte sud-orientale del Paese.

Lo ha reso noto la stessa agenzia, riferisce l’emittente finlandese Yle. Secondo l’Autorità di vigilanza, durante l’analisi di un campione d’aria nella città di Kotka, è stata registrata “una piccola quantità di isotopi radioattivi di zirconio e niobio”, nonché una concentrazione “leggermente superiore al normale” dell’isotopo di cesio -137.

Queste sostanze normalmente non si trovano in natura e, in una situazione del genere, informiamo sempre, ha precisato ancora l’ispettore capo, precisando tuttavia che non c’è nessun pericolo per la natura o le persone. Durante le misurazioni, il flusso di vento “proveniva da Est e Sud-Est”, ha aggiunto Stuk. Il cesio, derivato principalmente dalle ricadute dell’incidente della centrale nucleare di Chernobyl in Ucraina, viene regolarmente rilevato in piccole quantità nei campioni d’aria; piccole quantità di zirconio e niobio possono fuoriuscire nell’aria, ad esempio, dal combustibile di una centrale nucleare in relazione alla manutenzione dell’impianto.

A cura di Elena Giulianelli- Foto Imagoeconomica 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui