TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

F1 HAMILTON DOMINA IN BELGIO

Lewis Hamilton si vendica di Max Verstappen e domina il Gran Premio del Belgio, settima prova del Campionato del Mondo. Il pilota britannico della Mercedes, campione del mondo in carica e leader della classifica iridata, precede l’altra freccia d’argento di Valtteri Bottas (a 8″448) e la Red Bull dell’olandese (a 15″455), che aveva vinto due settimane fa il Gp del 70° anniversario a Silverstone.

Sul circuito di Spa, per Hamilton, scattato dalla pole, una gara tutta di testa, messa in pericolo solo dalla tenuta delle gomme nel finale. Per il britannico si tratta dell’89° successo in carriera, il quinto stagionale.

Per la Ferrari, giornata disastrosa, come lasciavano intendere le qualifiche, dove le rosse non erano entrate in Q3.
Scattati dalla settima fila, Sebastian Vettel chiude in 13ma posizione, Charles Leclerc in 14ma. Una Caporetto.

Dietro i tre di testa, a punti anche Daniel Ricciardo, autore del giro più veloce, davanti all’altra Renault di Esteban Ocon, sesta la seconda Red Bull di Albon, poi la McLaren di Lando Norris, l’Alpha Tauri di Gasly, nona e decima le Racing Point di Stroll e Perez. Non è partito Carlos Sainz, Jr., ritiratosi alla fine del giro di schieramento per un problema al motore della sua McLaren.

La gara
Hamilton e Bottas in prima fila, Verstappen in seconda con Ricciardo, ma Ocon brucia il pilota della Renault. Leclerc guadagna cinque posizioni, poi il ferrarista accusa problemi e viene superato da diversi concorrenti e si ritrova 12°. All’11° giro safety car in pista per un incidente tra Giovinazzi e Russell, senza conseguenze per i piloti. Cominciano i cambi gomme, tutti con le dure. Dopo l’uscita della safety car sempre Hamilton, Bottas e Verstappen, con Gasly quarto e Perez quinto, che non hanno effettuato il pit stop. Al 19° giro Leclerc tenta di superare Vettel e le due Ferrari si toccano. Perez cambia le gomme alla stessa tornata, mentre Gasly tira lungo (si fermerà al 27° giro). Leclerc rientra ai box per il pit stop al 25° giro. Dal 38° giro le gomme cominciano a dare problemi, tenendo in apprensione Mercedes e Red Bull. Ma Hamilton conduce in porto il Gp e stacca la vittoria numero 89 di una carriera strabiliante.

La Formula 1 torna il prossimo fine settimana con uno degli appuntamenti più attesi: il Gran Premio d’Italia sullo storico circuito di Monza.

In classifica generale, Hamilton consolida la sua leadership con 157 punti, mentre Verstappen ne ha 110 e l’altro pilota della Mercedes, Bottas, ne conta 107.

Pacato il commento di Hamilton:
“Non è stata una gara semplice come è sembrata, ho fatto qualche bloccaggio che ha dato delle vibrazioni. Le temperature delle gomme stavano calando. Un pochino ho faticato, ma è stata una giornata perfetta per noi”.

Sconfortato Leclerc:
“Veramente brutto, Dobbiamo fare qualcosa. Ho provato a dare il massimo ma oggi era veramente difficile. Non ce la facciamo a sorpassare”. Poi il monegasco della Ferrari pensa ai prossimi appuntamenti: “A Monza sarà molto difficile, al Mugello e Imola abbiamo più speranze per tornare dove eravamo prima, ma a Monza la vedo veramente dura”.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Getty Images

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *