TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

F1 GP UNGHERIA TRIONFA A SORPRESA OCON

Podio sognato e poi svanito per Sebastian Vettel nel GP di Ungheria. Il pilota tedesco della Aston Martin, che al termine della gara si era anche rammaricato per la mancata vittoria, è stato squalificato, perdendo il secondo posto che aveva conquistato. Già subito dopo il GP i commissari di gara avevano aperto un procedimento nei confronti di Vettel in base all’articolo 6.6.2 del regolamento tecnico F1, che prevede che le vetture debbano arrivare con almeno un litro di benzina alla fine della gara. Secondo la nota emessa dalla FIA, nei controlli post-gara il tedesco aveva solo 0,3 litri di carburante all’interno della vettura. Per via di questa squalifica la seconda posizione passa a Lewis Hamilton, mentre la terza posizione va alla Ferrari dello spagnolo Carlos Sainz. In questo modo tutti i piloti, tranne il vincitore Esteban Ocon, avanzeranno una posizione.

Dopo il verdetto pacato il commento dell’Aston Martin: “E’ deludente per il team perdere 18 punti, ma nulla toglie all’impeccabile guida di Sebastian. Oggi abbiamo dimostrato che la nostra macchina ha un buon passo gara”.

Questa la classifica del Mondiale piloti 1. Lewis Hamilton (Gbr) 195 punti 2. Max Verstappen (Ned) 187 3. Lando Norris (Gbr) 113 4. Valtteri Bottas (Fin) 108 5. Sergio Perez (Mex) 104 6. Carlos Sainz (Esp) 83 7. Charles Leclerc (Mon) 80 8. Daniel Ricciardo (Aus) 50 9. Pierre Gasly (Fra) 50 10. Esteban Ocon (Fra) 39 11. Fernando Alonso (Esp) 38 12. Sebastian Vettel (Ger) 30 13. Lance Stroll (Can) 18 14. Yuki Tsunoda (Jpn) 16 15. Nicholas Latifi (Can) 4 16. George Russell (Gbr) 4 17. Kimi Raikkonen (Ita) 2 18. Antonio Giovinazzi (Ita) 1 19. Mick Schumacher (Ger) 0 20. Nikita Mazepin (Rus) 0

Questa la classifica del Mondiale costruttori 1. Mercedes 303 2. Red Bull 291 3. Ferrari 163 3. McLaren 163 5. Alpine 77 6. Alpha Tauri 68 7. Aston Martin 48 8. Williams 10 9. Alfa Romeo 3 10. Haas 0.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Reuter

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *