La città siriana di Aleppo vive, da ieri sera, una nuova tregua dai bombardamenti; dopo la riconquista da parte dell’esercito di Assad con l’appoggio di Mosca, i primi convogli con i feriti sono partiti dalla zona est della città, quella che si trova ancora sotto il controllo dei ribelli.

A causa degli spari esplosi contro uno dei convogli di pullman che lasciavano la città per le evacuazioni, una persona è morta e quattro sono rimaste ferite. A riferire la notizia è stata l’agenzia turca Anadolu, attribuendo la responsabilità dell’attacco a “cecchini di milizie sciite sotto il comando dell’Iran”. Il fatto è avvenuto a Ramousah, alla periferia sudest di Aleppo.

Intanto, il presidente russo Vladimir Putin ha impartito il proprio ordine personale per l’avvio delle operazioni di evacuazione di Aleppo: ci saranno 20 autobus e 10 autoambulanze che attraverseranno il corridoio di Idlib.

Il controllo della situazione viene mantenuto dalla Russia che sta monitorando Aleppo attraverso i droni ed altri sistemi di sicurezza e sorveglianza. Almeno 4mila combattenti ribelli e 9mila civili lasceranno i quartieri assediati della zona orientale della città siriana.

Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui