Io non sono Giorgia, sono Emma. Lo dico non per arroganza ma perché in queste due figure si incarna la differenza tra la coalizione di centrodestra e +Europa, che è nella coalizione di centrosinistra”. Lo ha detto Emma Bonino, intervenendo alla presentazione dei candidati di +Europa a Torino.

“Io sono per le libertà economiche, civili e personali. Di là, invece, c’è una coalizione che si richiama a Orban e Putin, per una democrazia illiberale alla quale non sento di appartenere e che anzi – ha sottolineato la leader di +Europa – mi spaventa abbastanza. Sono anche una europeista convinta da sempre, anche quando parlare di Europa non era popolare. Peccato che poi è arrivato il Covid e altre disgrazie e ora sono tutti europeisti, alcuni proprio di facciata. Ma intanto c’è una scelta da fare, e mi rivolgo ai cittadini: andate a votare, perché il partito maggioritario resta quello degli astenuti, tra chi è sfiduciato e chi non può, come i fuorisede, problema su cui stiamo lavorando dal 2017. Andate a votare, e se votate +Europa – ha concluso Bonino – è pure meglio”.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui