ATOS AZIENDA SERVIZI IT ADDETTO ADDETTI TECNICO TECNICI UFFICIO UFFICI

MI SENTITE? MI SENTITE? No non ti sentiamo. NO non ti sento ma ti vedo. Carlo ti vedo parlare ma hai il microfono chiuso…… Vittorio gira la telecamera….

Non è una vignetta, né l’estratto di un film comico, ma quanto ormai da mesi quotidianamente accade nelle routine lavorative.

Tant’è che anche la pubblicità si è adeguata ai tempi con il recente spot Natalizio di nota società di telefonia, dove in call vi erano i “Babbi Natale”.

Il Covid ha sicuramente cambiato e non poco le vite lavorative. Dati più o meno ufficiali indicano che in Italia due aziende su tre hanno ancora attivo lo Smart working, e circa 8 milioni sono i lavoratori interessati.

Non tocchiamo l’argomento economico perché si aprirebbe un dibattito anche aspro, così com’è meglio evitare di analizzare se lavora di più uno Smart worker o un lavoratore che svolga il medesimo lavoro presso la sede lavorativa.

In un cotesto che ha obbligato drasticamente a ridurre, ed in alcuni periodi, a vietare ogni contatto fisico limitando gli spostamenti, le call sono vorticosamente aumentate, diventando pressoché giornaliere.

E sono diventate il contatto con la realtà, la nostra umana necessità di vedersi e di comunicare. Perché le mail ed i watt app si sa, anche se arricchiti di emoji, sono strumenti freddi che non possono far percepire agli altri le emozioni.

Toni di voce, messaggi verbali e non verbali danno un altro senso alla comunicazione.

Poi non neghiamolo: vogliamo vedere se gli altri son cambiati nel frattempo in questo ormai 11 mesi di lontananza, se le colleghe si truccano e vanno dal parrucchiere anche per mettersi davanti alla telecamera come accadeva nelle lontane e desuete riunioni o nelle convention, quando sfoggiavano abbigliamenti abbaglianti; se i colleghi uomini mettono giacca e cravatta o sono in abbigliamento informale magari con tanto di pantaloni del pigiama che fanno capolino dall’angolo della telecamera o che si intravedono dallo specchio a lato della postazione di lavoro che doveva essere provvisoria sul tavolo della sala o della cucina ma ormai staziona lì da mesi…. Un anno fra poco.

E così parte la caccia in casa dell’angolo più adatto per la ripresa: il mobile alle spalle le tende alle finestre, la pianta più belle con due misere foglie, ah la maglia o lo stendardo della squadra del cuore, i quadri o la foto grande di splendidi paesaggi……. Ed immancabilmente la ragnatela che fa capolino, o il figlio che ti passa alle spalle e poi torna indietro magari col panino in mano.

Quanto di più normale ed umano c’è al di là di restrizioni, convenzioni e formalismi che ci ingessavano nella precedente vita lavorativa.

Quel che è più triste è che dimenticheremo che noi siamo più veri oggi, e ritorneremo ad essere quello da cui arriviamo.

A cura di Patrizia Ferro – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui