SOVRANO MILITARE ORDINE DI MALTA SMOM CROCE OTTO PUNTE BANDIERA SIMBOLO VILLA MALTA AVENTINO ROMA CAVALIERI DI GIUSTIZIA PROFESSI

Ci sono folli che hanno bisogno di un dottore in questa lunga pandemia che ha cambiato e sconvolto il Mondo, che ha e continua a mietere vittime a toccare i sentimenti di tutti, perfino dei bambini nella loro naturale libertà.

Dove sono gli eroici cavalieri che andavano a cavallo con tanto di armatura e bandiera crociata lungo le terre sconfinate, a portare la pace, la speranza, la fratellanza?

Se dovessimo oggi fare una similitudine azzardata con i buoni combattenti di un tempo lontano, diremmo le donne e gli uomini in prima fila nelle terapie intensive e nelle corsie Covid-19. Quel personale sanitario stremato, che oltre ad infettarsi di Omicron, resiste al nemico invisibile per salvare vite umane che talvolta sfuggono al ragionevolezza, alla sapienza, alla razionalità, perchè convintissimi che questo maledetto coronavirus sia frutto di una invenzione delle case farmaceutiche mondiali; e, che, non è nient’altro che una semplice influenza dalla quale si può guarire con le soli vitamine o porzioni a base di erbe miracolose.

Non è così, il “soldato dell’oriente… semmai arrivasse dalla muraglie” veste la morte e lo sa fare alla perfezione come un cecchino in Vietnam. Si stupisce, magari, lui stesso, fino al punto che se non sei armato di almeno tre corazze e magari anche quattro, ti stende ovunque, prendendo il corpo di tutti.

Dove sono gli eroici cavalieri? Che riuscivano a gettare acqua santa sul fuoco di Satana! Ce lo siamo chiesti, durante la sera tra un focolaio e l’altro. E dove è Re Artù, dove è riposta la spada della salvezza?

Viviamo in un’era dove più che Cavalieri di Malta, Cavalieri dell’Ulivo sapiente, siamo ritornati Cavalieri Ospitalieri e fondatori di quel primo Ospedale a Gerusalemme per assistere i pellegrini di ogni provenienza. Nel corso dei secoli il numero di membri provenienti da tutta Europa aumentò, contribuendo a rafforzare la presenza dell’Ordine nel periodo di permanenza a Rodi (1310-1522) e a Malta (1530-1798).

Spetta a tutti noi adottare il principio “Tuitio Fidei et Obsequium Pauperum”, alimentare, difendere e testimoniare la fede e servire i poveri e gli ammalati fino a quando non ci saranno più varianti mortali sulla terra e che magari i prossimi ritroveranno nello spazio…

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui