La Corte Suprema dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk ha condannato a morte due combattenti britannici e uno del Marocco catturati dalle forze russe. Aiden Aslin, Shaun Pinner e Saaudun Brahim sono accusati dalle forze filo-russe di essere “mercenari”.

Il governo del Regno Unito è “profondamente preoccupato” per le condanne, afferma Downing Street.
Le famiglie dei due britannici denunciano: il processo è stato uno show condotto “in violazione della Convenzione di Ginevra” sui prigionieri di guerra.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Ap

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui