La differenza c’è e si vede!

Inter-Liverpool va al “riposo” dopo la prima ripresa e sarà ben difficile che siano i nerazzurri a proseguire la strada della Champions.
Per carità, tutto può succedere, ma da quello che si è visto a San Siro è difficilissimo pensare ad un ribaltone in Inghilterra.

Per settantacinque minuti si è vista L’Inter giusta, quella che poteva mettere in difficoltà la formazione di Klopp, poi i cambi hanno fatto la differenza e non c’è stato nulla da fare per uno 0-2 che fa rammaricare ma su cui non si può recriminare.

Bravo il Liverpool a resistere nei momenti difficili, non pochi, ma i Reds mica erano da scoprire e non si può che applaudirli, così com’è da applaudire l’Inter, sfortunata nel trovarsi di fronte quella che è una delle principali favorite, perlomeno per la finalissima.

Qualche errore i ragazzi di Inzaghi lo hanno commesso, ma chi non sbaglia nulla nell’arco di novanta minuti e spiccioli?

Che lo scontro fosse duro, lo si sapeva, così come c’è non poca differenza tra le italiane e le migliori d’Europa; prima o poi ci si deve confrontare con le più forti e la cosa deve servire per crescere, anche quando le cose non vanno per il meglio.

L’Inter è quasi fuori dalla Champions, salvo miracoli, ma farlo a testa alta è il miglior modo per imparare e …. Crescere.

Il Direttore responsabile Maurizio Vigliani – Foto Lapresse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui