Tanto rumore per nulla o forse no? Comunque, solitamente la verità sta nel mezzo, a meno che il mezzo non si sia spostato un pochino più in là. Che dire sulla vicenda di Paolo Di Canio e Sky Sport? L’ ex giocatore, da qualche anno opinionista sportivo, è stato allontanato a causa del tatuaggio sul suo braccio in cui c’è scritto Dux. Da quanto tempo si conosce l’ appartenenza politica di Di Canio? Anche quando giocava a calcio, non ha mai nascosto la sua fede politica, come quella sportiva e ora perché c’è tutto questo clamore?

Se magari avesse indossato una camicia a maniche lunghe non si sarebbe visto nulla, ma essendosi messo una t-shirt, le cose sono cambiate, radicalmente, in peggio. Ma se una persona (in questo caso Paolo Di Canio), è stato chiamato a presenziare ad un programma sportivo, per parlare di calcio, perché ha fatto il calciatore a grandi livelli e anche l’allenatore, vuol dire che è all’altezza di stare in televisione, oppure no?

Accorgersi solo ora di un tatuaggio così ‘particolare’, mi sembra una cosa molto strana e imbarazzante. E se vogliamo dirla tutta, Di Canio, più di una volta, ha fatto il saluto romano con il braccio alzato e teso; quindi? Tutto questo, prima, non si sapeva? Di fondo, io noto un po’ di ipocrisia e neanche tanto velata da parte degli organi di questa emittente; forse sarebbe meglio tenere nascosta la propria fede politica e fingersi moderato, quando non lo si è affatto. Credo che Di Canio sia una persona che si intenda di uno sport che ha praticato per gran parte della sua vita e come altri opinionisti abbia il diritto di parlare e dire la sua su questo sport e, sottolineo, su questo sport in particolare. In una trasmissione sportiva, si parla di sport, non di politica o attualità, ma solamente di sport, puro e semplice.

Se vogliamo buttarla sempre in politica va bene, ma non dovrebbe essere così quando si disserta del pallone, almeno in quel caso. L’ unico errore che ha commesso il nostro Paolo e aver fatto vedere in pubblico quel tatuaggio, se l’ avesse coperto, non si sarebbe scatenato tutto questo casino. Non so se Sky farà marcia indietro sulla sua decisione (ne dubito fortemente), ma credo che licenziare, allontanare, mettere alla porta, dare il ben servito o come si dice in questi casi, per un tatuaggio scomodo, sia totalmente inappropriato e ingiusto. Se tu fai bene il tuo lavoro e vieni apprezzato, puoi schierarti con chi vuoi sul tavolo della politica, ma rimarrai per sempre uno stimato e apprezzato professionista.

A cura di Nicola Luccarelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui