Confermata la condanna a un anno di reclusione per Giorgio Galanti, il medico sportivo accusato di omicidio colposo per la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori.

Il calciatore fu trovato senza vita la mattina del 4 marzo 2018 nella sua camera di albergo a Udine, dove si trovava con la squadra. Secondo l’accusa il decesso fu provocato da cardiomiopatia aritmogena ventricolare: la patologia non fu diagnosticata da Galanti che rilasciò due certificati di idoneità agonistica al giocatore.

La corte di Appello di Firenze ha quindi deciso di confermare la pena inflitta in primo grado il 2 aprile 2021 all’ex direttore di Medicina sportiva di Careggi con un passato da consulente sportivo della Fiorentina, accogliendo così la richiesta della procura generale.

A cura di Roberto D’Orazi – Foto Imagoeconomica

Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui