Ci stiamo avviando senza rendercene conto verso una guerra nucleare“. E’ quanto ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, a margine dell’incontro a Palazzo Santa Lucia per organizzare la manifestazione per la pace che si terrà venerdì 28 ottobre a Napoli. “Dobbiamo reagire per costruire la pace e per fare in modo che la crisi energetica non determini un dramma sociale e produttivo in Italia e nell’Occidente“.

“Facciamo quello che è nostro dovere fare – ha aggiunto De Luca – e cioè mobilitare le coscienze, creare la consapevolezza che i problemi stanno diventando drammatici, e chiedere al governo italiano di dire in maniera definitiva qual è l’obiettivo che vogliamo perseguire. Se l’obiettivo è la pace, allora dobbiamo chiedere in tutte le sedi un cessate il fuoco. Se qualcuno immagina che la soluzione del problema ucraino sia militare, vuol dire che sta preparando le condizioni per arrivare alla guerra atomica”.

Alla presenza su un’eventuale presenza di bandiere o insegne di partito alla manifestazione, De Luca risponde: “Ognuno porti le bandiere che vuole. Mi auguro che ci siano soprattutto le bandiere della pace e mi auguro ci siano le bandiere di tutti i Comuni della regione Campania, a rappresentare la massima partecipazione possibile e la massima unità di tutta la Campania”.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui