TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

DANI ALVES: ADDIO CON POLEMICHE

Dani Alves saluta la Juventus. Dopo appena una stagione alla corte di Allegri, il difensore brasiliano vola verso altri lidi, lasciandosi dietro, però, anche qualche piccola polemica. Come succede spesso quando un giocatore lascia la squadra per cui ha giocato, c’è sempre qualche sassolino da togliersi, qualcosa che si è tenuto dentro per tanto tempo, forse troppo. Dani Alves ha detto che per lui i soldi non sono importanti (anche perché avrà messo da parte un bel gruzzolo e quindi possiamo credergli), ma soprattutto si scusa con i tifosi per la sua scelta di abbandonare la Juve, sull’immagine dei suoi scarpini sui social nella finale di Berlino del 2015, aggiungendo anche una una piccola punzecchiatura a Marotta. Va bene tutto, cose che succedono, ringraziamo il giocatore per tutto quello che ha fatto per la Juve, per l’impegno mostrato e tutto il resto, però, c’è qualcosa che non mi è andata giù (da tifoso juventino).

Sapete cosa?

Quando in un’intervista a una tv (credo brasiliana), Dani ha consigliato a Dybala di andare via dalla Juve per crescere meglio in un altro club. Ecco, questa. A casa mia, si chiama caduta di stile, non so a casa vostra come si possa chiamare, ma per me è così. Perché andare a dire a un giovane di belle speranze, che si è formato calcisticamente qui in Italia, anche se argentino, di lasciare la Juventus? Il brasiliano è un giocatore di grande esperienza, ha vinto praticamente tutto, ha disputato fior fior di partite e certi giovani, che iniziano ora la loro carriera, stanno a sentire, eccome, questi campioni. Sul talento calcistico, quindi, nulla da dire, ma su certi comportamenti (e sottolineo “certi”), fuori dal campo, il caro Dani deve ancora migliorare. Detto questo, che non mi sembra poco, la Juve dovrà muoversi bene sul mercato e cercare qualcuno che sostituisca al meglio non solo questo calciatore.

Ciao Dani Alves, buona fortuna e in bocca al lupo per tutto!

A cura di Nicola Luccarelli

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *