Yahoo! ha reso noto che nel 2014 sono stati rubati i dati di almeno 500 milioni di suoi utenti attraverso un cyber attacco. Dai nomi agli indirizzi email, fino ai numeri di telefono, alle date di nascita e alle password.

Tre funzionari dell’intelligence Usa, che hanno chiesto di non essere identificati, hanno riferito che ritengono molto probabile che l’attacco sia stato sostenuto da uno Stato a causa delle somiglianze con precedenti attacchi hacker attribuiti alle agenzie di intelligence russe o ad hacker in azione sotto le loro direttive. La società di Yahoo! ha fatto sapere che sulla vicenda sta collaborando con le autorità e l’Fbi ha riferito di essere al corrente della questione.

“Siamo in contatto in modo regolare e in buone relazioni con il nostro settore privato e la compromissione del settore privato o di quello pubblico è qualcosa che prendiamo con serietà”, ha dichiarato la polizia federale.

L’Fbi ha aggiunto inoltre che proseguirà con le indagini per trovare chi pone minacce alla cybersicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui