Cristina D'Avena 40 anni di carriera nel mondo dello spettacolo

Un record singolare per uno dei personaggi più amati da tutte le generazioni: dal 1982 ad oggi è l’unica voce dello spettacolo presente sulla tv italiana almeno una volta al giorno, 7 giorni su 7, 365 giorni l’anno: è Cristina D’Avena, giunta al quarantesimo anno di carriera.
Era infatti il 1982 quando Cristina, allora diciassettenne, si presenta ad un provino, superato a pieni voti, per interpretare la versione italiana della sigla della seria animata giapponese Pinocchio. Subito un contratto in esclusiva con la Five Record, punto di partenza di una carriera che a tutt’oggi prosegue senza interruzioni, grazie al nuovissimo album, uscito il 25 novembre, in duplice versione, Standard e Deluxe Edition, dal titolo “40 – Il sogno continua”.

L’album, che nella sua versione Deluxe contiene 100 canzoni, vanta 9 duetti inediti e completamente rifatti con artisti di più generazioni del panorama musicale italiano, da Orietta Berti a Myss Keta, da Lorella Cuccarini a Elettra Lamborghini, da Cristiano Malgioglio ad Albe per passare a Alfa, Jr Stit e Dj Matrix & Amedeo Preziosi oltre alle incisioni originali delle sigle più amate dal 1982 al 2019, le canzoni dei telefilm che l’hanno vista protagonista negli anni ’80 e ’90 e alcuni inediti e rarità.

Dal suo debutto allo Zecchino d’Oro nel 1968, la cantante bolognese ha raggiunto 313 pubblicazioni e 743 brani, di cui 396 sigle suddivise a loro volta tra 371 sigle di cartoni animati, 12 sigle di telefilm e 13 sigle TV, più 41 remix.

Le sue pubblicazioni sono suddivise in 86 album ufficiali su etichetta Five Record, poi RTI Music, di cui 22 della collana Fivelandia; 21 dal titolo Cristina D’Avena e i tuoi amici in TV; 12 album monografici dedicati alle serie animate, dei quali otto su 33 giri e quattro su CD; otto album monografici dedicati ai telefilm della serie Licia e Cristina; altri 13 album e 28 ristampe e due con Warner Music.
E Con il Natale alle porte e l’imminente nuovo Zecchino d’Oro, “il sogno” continuerà ancora a lungo.

articolo e foto a cura di Franco Buttaro

scrivi a: [email protected]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui