SILVIO BRUSAFERRO PROFESSORE

Sono 21.932 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.

Ieri erano stati 23.649. Sono invece 481 le vittime in un giorno (ieri 501). Dall’inizio della pandemia i contagi nel nostro Paese sono 3.629.000.

Lo comunica il ministero della Salute. I  test eseguiti sono 331.154, tra molecolari e antigenici.

Il tasso di positività è 6,6%, invariato rispetto a 24 ore fa.  Sono 3.704 le terapie intensive per Covid in Italia, 23 in più rispetto a ieri.

Ammontano a 28.704 i ricoveri ordinari, 245 in meno nelle ultime 24 ore. In totale i casi da inizio epidemia sono 3.629.000, i morti 110.328.

Gli attualmente positivi sono 565.295 (+1.816 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 2.953.377 (+19.620), in isolamento domiciliare ci sono 532.887 persone (+2.038).

Lombardia. Sono 3.941 i nuovi positivi al Covid-19 in Lombardia, il 6,8% dei 57.421 tamponi processati nelle ultime 24 ore. I decessi sono 97, con il totale in un anno che sale a 30.959. Diminuiscono per il secondo giorno consecutivo i ricoverati in terapia intensiva (-3, 857 letti occupati) e nei reparti (-120, 6.703 pazienti in totale). Sono 3.221 i guariti-dimessi, 616.293 da inizio pandemia di cui 6.068 dimessi e 610.225 guariti dal Covid-19. Milano con 1.273 nuovi positivi si conferma la provincia più colpita, 537 casi a Milano città. Segue Brescia a 656 e Monza e Brianza 389.

Campania. Sono 2.057 i positivi del giorno in Campania, di cui 722 sintomatici, il 35% del totale dei nuovi casi. Questi i dati forniti dall’unità di crisi regionale. I tamponi molecolari processati sono 18.513, pertanto la percentuale dei positivi sui tamponi è all’11%. I deceduti sono 57, 26 nelle ultime 48 ore, mentre i guariti sono 2.979. Dall’inizio dell’emergenza Covid in Campania sono morte 5.475 persone, mentre 244.359 sono guarite. Calano ancora i ricoveri. In terapia intensiva ci sono 155 pazienti, cinque meno di ieri, su 656 posti letto disponibili. Sono invece 1.558, otto meno di ieri, i posti letto di degenza occupati su 3.160 posti complessivamente disponibili.

Puglia. L’Rt si abbassa sino a 1.09, ancora sopra la soglia di allerta che è pari a 1. Ma in Puglia il “rischio pandemico” resta nel livello “alto”. La Puglia è tra le quattro regioni italiane che riporta anche “molteplici allerte di resilienza”. E’ soprattutto la tenuta degli ospedali a preoccupare: oggi si registra il record di pazienti Covid ricoverati, sono 2.142, mai così tanti da marzo 2020, +27 rispetto a ieri. Non accennano a calare nemmeno i contagi, anche se oggi, rispetto a ieri, la percentuale dei positivi sui tamponi processati si è abbassata. Su 14.031 test sono stati registrati, difatti, 2.044 casi positivi. In tutto in Puglia hanno perso la vita 4.873 persone. Sono 143.805 i pazienti guariti mentre ieri erano 142.501 (+1.304). Salgono a 48.747 i casi attualmente positivi, +715 in un solo giorno. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza è di 197.425.

Piemonte. L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 1.942 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 192 dopo test antigenico), pari al 13% dei 14.884 tamponi eseguiti, di cui 5.148 antigenici. Dei 2.584 nuovi casi, gli asintomatici sono 765 (39,4%).I casi sono 261 di screening, 1.132 contatti di caso, 549 con indagine in corso, 37 in Rsa e Strutture Socio-Assistenziali, 110 in ambito scolastico e 1.795 tra la popolazione generale. Il totale dei casi positivi diventa quindi 317.834. I ricoverati in terapia intensiva sono 378 (+2 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 3.864 (-23 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 30.127. I tamponi diagnostici finora processati sono 3.794.450 (+14.884 rispetto a ieri), di cui 1.367.151 risultati negativi. Sono 63 i decessi.

Lazio. Oggi su oltre 15 mila tamponi nel Lazio (-1.720) e oltre 19 mila antigenici per un totale di oltre 34 mila test, si registrano 1.918 casi positivi (+80), 43 decessi (+10) e +1.782 guariti. Aumentano i casi, i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 12%, ma se si considerano anche gli antigenici la percentuale è al 5%. I casi a Roma città sono a quota mille. Lo rende noto l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato, che sottolinea: “Valore Rt si conferma a 0.98. Tasso di occupazione dei posti letto di terapia intensiva Covid 40%. Tasso di occupazione dei posti letto di area medica Covid 47%. L’incidenza è a 207 casi per 100 mila abitanti”.

Emilia Romagna. I nuovi positivi in Emilia-Romagna oggi sono stati 1.830, mentre i morti sono stati 56. Continua il trend positivo per il calo dei ricoveri (-46) e confermato il superamento delle 900mila dosi di vaccino somministrate: 916mila. Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in regione si sono registrati 339.440 casi di positività. I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono stati 30.248 e la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 6%. I morti sono stati 56. In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 12.040.

Toscana. In Toscana sono 198.645 i casi di positività al coronavirus, 1.640 in più rispetto a ieri. I guariti crescono dello 0,8% e raggiungono quota 164.563 (82,8% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 18.134 tamponi molecolari e 12.333 tamponi antigenici rapidi, di questi il 5,4% è risultato positivo. Sono invece 11.292 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 14,5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 28.676, +0,9% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.861 (12 in più rispetto a ieri), di cui 274 in terapia intensiva (9 in più). Oggi si registrano 26 nuovi decessi.

Veneto.  Sono 1.567 i nuovi casi di contagio da Coronavirus in Veneto nelle ultime 24 ore, con un’incidenza del 3,92% sui 39.925 tamponi effettuati. Lo ha riferito oggi il presidente regionale Luca Zaia. Il totale dei contagi dall’inizio della pandemia è di 386.038. Gli attuali positivi sono 37.999. Si registrano 29 decessi, con il totale a 10.682. Nei rerparti ordinari sono ricoverati 1.931 pazienti, 13 in meno rispetto a ieri; in terapia intensiva i ricoverati sono 299 (+1).

Sardegna. 14 comuni in zona rossa Salgono a 14 i comuni sardi in zona rossa con l’entrata in vigore del lockdown a Sennariolo, nell’oristanese. Il sindaco Gianbattista Ledda, vista l’impennata di casi negli ultimi giorni, ha decretato la zona rossa a causa della percentuale dei contagiati che sfiora il 10%. Sennariolo, uno dei più piccoli comuni della Sardegna con 160 abitanti e 14 positivi, è il secondo paese della provincia di Oristano, dopo Samugheo, a finire in zona rossa su decisione del sindaco. In Sardegna i nuovi casi di Covid sono 473, cui si aggiungono altri due decessi, che portano a 1.240 il bilancio delle vittime da marzo 2020 e a 46.327 le diagnosi di positività dall’inizio dell’emergenza.

A cura di Silvia Camerini – Foto Imagoeconomica

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui