Il Sottomarino Giallo silura Madama e solo in Spagna sono “Allegri”.
In Italia siamo bravi a raccontarci le balle da soli ed ancora una volta le italiane in Champions arrivano agli ottavi e salutano.
Dopo l’Inter, contro il Liverpool, anche la Juve fa le valigie e contro il Villareal, che con tutto il rispetto, non è nell’elite del calcio europeo, spagnola o non spagnola che sia.

Il problema è che non basta comprare un attaccante per diventare fenomenali, magari poi giustificando il fatto che non ha esperienza internazionale, se prende cinque in pagella.
Il gioco, diciamo da anni, essere ciò che serve per fare della strada in Europa e questa Juve ha un gioco?

Vero che in campionato fa punti da novembre, ma come? Spadroneggiando con chi e quando? Se vogliamo allargarci, l’uscita della Juventus, e delle altre italiane, certifica il valore del nostro calcio appena mettiamo il naso fuori di casa nostra.
D’altra parte, tra una settimana la Nazionale si giocherà gli spareggi per andare ai Mondiali; una Nazionale che meno di un anno fa ha vinto gli europei, ma subito dopo è tornata indietro di un bel po’ e si rischia nuovamente di guardare i Mondiali in TV!

Oggi, alcuni tifosi bianconeri gioivano per l’uscita di CR7 dalla Champions, inneggiando a quel Vlahovic che non avrà esperienza internazionale, ma è costato un camion di soldi.

La sera il contrappasso è arrivato puntuale come la notte dopo il giorno e ci si ricorda che si muore in guerra e ci sono cose più importanti della Champions, cosa assolutamente vera, ma non solo oggi o domani, ma pure ieri ed il giorno prima.
La Juve fa l’ennesima brutta figura in Champions, ma Allegri ha visto una bella squadra per settantacinque minuti e forse allora capisci persino perché succedono queste cose.

Il Direttore responsabile Maurizio Vigliani – Foto Lapresse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui