TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

CORONAVIRUS SONO LE 21,30

Calano i ricoverati in Lombardia: -165. Nel mondo 900 mila contagi, metà popolazione confinata a casa. 69 i medici morti in Italia.

Questi sono i numeri del contagio in Italia diffusi stasera dalla Protezione civile: 83.049 i malati (+2.477 su mercoledì); 13.915 i morti (+760); 18.278 i guariti (+1.431). Il numero totale dei casi positivi è 115.242 (+4.668).

In Lombardia il numero totale dei casi è 46.065 (più 1.292 rispetto a mercoledì). Ieri l’incremento di positivi era stato di 1.565. Il totale dei decessi è 7.960 (+357)

Nessun allentamento della stretta anti-coronavirus, per ora non cambia nulla. Lo ha ribadito anche questa mattina il premier Giuseppe Conte, dopo la conferenza stampa di ieri sera in cui aveva ufficializzato la proroga delle restrizioni fino al 13 aprile. Quanto alle misure economiche, Conte torna sul dl per assicurare liquidità alle imprese e poi sul varo, che si auspica prima di Pasqua, di una sorta di manovra di nuove misure rilevanti.
Dalla presidente della Commissione Ue Von der Leyen un messaggio all’Italia: “L’Europa è con voi”.

Le notizie principali:

Afp: oltre 3,9 miliardi di persone, ossia metà circa della popolazione mondiale, è costretta in casa
Verso un milione di casi nel mondo, i morti sono oltre 47 mila.
Nel nostro Paese oltre 10mila i sanitari positivi, 69 medici morti finora.
Il nuovo decreto: no a passeggiate genitore-bambino.
Oggi morto a Bologna il primo detenuto per coronavirus era agli arresti ospedalieri.
Negli Usa oltre 5mila morti: 884 decessi in 24 ore.
L’epidemia ormai dilaga in Spagna e aumenta sia in Germania che Gran Bretagna.
Filippine, l’annuncio choc di Duterte: “Sparare a chi vìola la quarantena”.

Nel mondo oltre un milione casi confermati
Sono stati confermati oltre un milione di contagio di Covid-19. E’ quanto risulta dai dati elaborati da Afp. I morti sono invece oltre 50 mila e i guariti hanno superato i 200 mila.

Coronavirus, medici Gran Bretagna: “Si rischia di scegliere chi salvare”
Con l’emergenza della pandemia di Covid-19 i medici britannici potrebbero essere messi nella condizioni di scegliere, nelle prossime settimane, chi curare vista la scarsità dei macchinari necessari. A lanciare l’allarme è la British Medical Association, che ha pubblicato una guida etica per coloro che lavorano in prima linea. L’organismo professionale – scrive la Bbc – afferma che in questi “tempi senza precedenti” è necessario un dibattito pubblico urgente sulla questione. Avverte che nonostante gli “sforzi eroici” per aumentare la capacità, il Servizio sanitario nazionale potrebbe essere sopraffatto. Con l’epidemia di coronavirus i medici potrebbero dover fare scelte di vita o morto in base alla capacità piuttosto che alla necessità.

Bezos dona 100 milioni a Feeding America
Jeff Bezos dona 100 milioni di dollari alla no profit Feeding America, la rete di banche del cibo che conta 200 filiali negli Stati Uniti e offre alimenti a più di 46 milioni di persone. Lo annuncia Bezos.

Coronavirus, a Malta realizzato robot da 800 test al giorno
Malta si è dotata di una delle prime macchine robotizzate per effettuare analisi per la ricerca delle positività al coronavirus. L’attrezzatura è stata presentata al pubblico durante una visita del vicepremier e ministro della Sanità nonché medico, Chris Fearne, al Policlinico universitario Mater Dei. Il macchinario, stando a quanto è stato indicato dal ministro che ha assistito alle fasi finali dell’installazione, da domani potrà completare 800 test al giorno.

Coronavirus, Di Maio: “Non esiste l’Ue senza l’Italia”
“Devono capire che siamo in una crisi senza precedenti. Noi abbiamo detto chiaramente all’Unione europea che spenderemo tutti i soldi che servono per aiutare imprese, lavoratori, giovani e meno giovani. E deve essere chiaro che non esiste l’Unione europea senza l’Italia”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervistato al Tg5 sulle scuse della presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, per le sue dichiarazioni.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *