Giugno 2024 è stato più caldo a livello globale rispetto a qualsiasi giugno precedente nei dati registrati, con una temperatura media dell’aria in superficie (dati ERA5) di 16,66 gradi: 0,67 gradi in più rispetto alla media di giugno del periodo 1991-2020 e 0,14 gradi in più rispetto al precedente massimo registrato a giugno 2023.

Sono i dati del servizio Copernicus sui cambiamenti climatici (C3S), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto della Commissione europea con finanziamenti dell’Ue, pubblica regolarmente bollettini climatici mensili che riportano i cambiamenti osservati nelle temperature globali dell’aria superficiale e del mare, nella copertura di ghiaccio marino e nelle variabili idrologiche.

La maggior parte dei risultati riportati si basa sul set di dati di rianalisi Era5, che utilizza miliardi di misurazioni da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche in tutto il mondo.

Questo è il tredicesimo mese consecutivo che è il più caldo nel record di dati Era5 per il rispettivo mese dell’anno. Sebbene insolito, una serie simile di record mensili di temperatura globale si è verificata in precedenza nel 2015/2016.

Secondo i dati ERA5, la temperatura del mese è stata di 1,50°C superiore alla media stimata di giugno per il periodo 1850-1900, il periodo di riferimento preindustriale designato, diventando così il dodicesimo mese consecutivo a raggiungere o superare la soglia di 1,5°C.

La temperatura media globale degli ultimi 12 mesi (luglio 2023 – giugno 2024) è la più alta mai registrata, con 0,76°C in più rispetto alla media del periodo 1991-2020 e 1,64°C in più rispetto alla media preindustriale del periodo 1850-1900.

La temperatura media europea di giugno 2024 è stata di 1,57°C superiore alla media di giugno del periodo 1991-2020, rendendo il mese il secondo giugno più caldo mai registrato in Europa. Le temperature europee sono state più al di sopra della media nelle regioni sudorientali e in Turchia, ma vicine o al di sotto della media nell’Europa occidentale, in Islanda e nella Russia nordoccidentale.

Al di fuori dell’Europa, le temperature sono state più elevate della media nel Canada orientale, negli Stati Uniti occidentali e in Messico, in Brasile, nella Siberia settentrionale, in Medio Oriente, nell’Africa settentrionale e nell’Antartide occidentale.

Le temperature erano inferiori alla media nel Pacifico equatoriale orientale, il che indicava lo sviluppo di un fenomeno La Nina, ma le temperature dell’aria sopra l’oceano sono rimaste a livelli insolitamente elevati in molte regioni.

La temperatura media della superficie del mare (Sst) per giugno 2024 tra 60 Sud e 60 Nord è stata di 20,85°C, il valore più alto mai registrato per il mese.

Questo è il quindicesimo mese consecutivo in cui la temperatura superficiale del mare è stata la più calda nel record di dati ERA5 per il rispettivo mese dell’anno. I set di dati diversi da ERA5 potrebbero non confermare la serie di 12 mesi evidenziata qui, a causa dei margini relativamente piccoli sopra 1,5°C delle temperature globali ERA5 per luglio e agosto 2023, maggio e giugno 2024 e delle differenze tra i vari set di dati.

Inoltre, è necessario sottolineare che i limiti di 1,5°C e 2°C stabiliti nell’accordo di Parigi sono obiettivi per la temperatura media del pianeta in un periodo di venti o trent’anni. Secondo Carlo Buontempo, direttore del Copernicus Climate Change Service (C3S): “Giugno segna il 13° mese consecutivo di temperature globali da record e il 12° di fila sopra 1,5°C rispetto al periodo preindustriale. Questa è più di una stranezza statistica e mette in luce un grande e continuo cambiamento nel nostro clima. Anche se questa specifica serie di estremi dovesse finire a un certo punto, siamo destinati a vedere nuovi record infranti mentre il clima continua a riscaldarsi. Ciò è inevitabile, a meno che non smettiamo di aggiungere GHG nell’atmosfera e negli oceani”.

A cura fonte di Rainews – Foto Imagoeconomica

Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui