on il ministro Roberto Gualtieri “stiamo mettendo a punto i dettagli della manovra, stiamo lavorando su un piano anti-evasione. Sin dall’inizio serve un’indirizzo di politica economico-sociale forte, cercando di favorire l’uso della moneta elettronica e nella convinzione che ciò poterà all’emersione dell’economia sommersa”. Lo dice ai cronisti il premier Giuseppe Conte da Isernia, dove è in visita. Essere onesti conviene “Fin da subito – ha aggiunto – un indirizzo forte di politica economica, fiscale e sociale sociale è cercare di favorire l’utilizzo della moneta elettronica, nella convinzione che possa aiutare a far emergere l’economia sommersa. Essere onesti conviene: recuperare un euro dall’economia sommersa significa poter investire in scuole, ospedali e ridurre la tassazione. E’ questo il nostro obiettivo”. Tra gli obiettivi della manovra c’è anche quello dell’ambiente, aggiunge Conte: “Stiamo lavorando su varie misure per quella svolta che vogliamo dare al Paese: un’Italia più verde, inclusiva, che faccia crescere tutto il Paese in direzione di una crescita economica ma anche dello sviluppo sostenibile”.

Ripartire dal sud – Nella visita in Molise il premier Giuseppe Conte che ha incontrato gli studenti della provincia di Isernia nell’Auditorium Unita’ d’Italia, prima di recarsi nel capoluogo regionale per la stipula del Contratto istituzionale di sviluppo per un totale di 220 milioni di euro. Il presidente del Consiglio, atterrato con l’elicottero a Isernia, dopo l’incontro mattutino con il ministro Gualtieri per la manovra economica, entrando nella struttura che raccoglieva centinaia di studenti, ha giustificato il ritardo di circa due ore: “Abbiate pazienza – ha detto Conte – abbiamo avuto una riunione con Gualtieri per mettere a punto le ultime misure, affinando gli ultimi dettagli. Siamo qui per il Cis: portiamo un grande progetto che raccoglie 150 progetti che saranno finanziati e serviranno a rilanciare questo territorio. Il Sud – ha affermato il premier – deve ripartire con loro e per loro”.

Con i molisani – Non sono mancati selfie e applausi per il premier Giuseppe Conte che, all’entrata e all’uscita dall’Auditorium Unità d’Italia di Isernia per l’incontro con 650 studenti delle superiori, si è trattenuto diversi minuti con i residenti. Il capo del governo, subito dopo, si è fermato a pranzo alla Cooperativa Lai “Lavoro anche io”, che si occupa di integrazione lavorativa per i ragazzi con disabilità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui