La notizia arriva dal Capogruppo di Fratelli d’Italia, Alessandro Draghi e dal Consigliere Jacopo Cellai, in merito al fatto che il “centrosinistra fiorentino” avrebbe predisposto un “cospicuo” intervento finanziario – 238.000 Euro – a degli abusivi sgomberati dall’Hotel Astor, noto per la “sparizione della piccola Kata” e che il Consiglio comunale dovrebbe a votare oggi, lunedì 27 novembre.

Il Pd ovviamente nega tale circostanza con fermezza, nonostante l’evidenza dei fatti, ovvero del documento probante tale stanziamento.

Draghi e Cellai, a seguito verifica delle “variazioni di bilancio” affermano: “Abbiamo scovato una voce che ha dell’incredibile. Si tratta di oltre 283mila euro destinati all’accoglienza e al sostentamento degli abusivi sgomberati dall’ex Hotel Astor di Firenze. Il luogo da cui è sparita la piccola Kata, già teatro di reati, degrado e criminalità, e che ha visto i suoi ‘inquilini’ macchiarsi di crimini di ogni genere e gravità. Ma vi rendete conto!? La sinistra fiorentina continua a mantenere – a spese dei cittadini – gli extracomunitari, alla foresteria Pertini a Sorgane e in altri luoghi, che non avrebbero alcun diritto di restare sul suolo nazionale, è una vergogna nazionale.

Il documento in questione prevede uno stanziamento di 105.000 euro classificati sotto la seguente voce: “Servizio di accoglienza temporanea in emergenza per persone e nuclei familiari in condizione di disagio sociale sgomberati dall’ immobile ex Hotel Astor e accoglienza Msna (minori stranieri non accompagnati)”. Tale importo va a sommarsi ai 178.000 già previsti per gli ex occupanti nella precedente variazione di bilancio, per un totale complessivo di oltre 283.000 euro.

Il Pd contesta le loro “denuncia” tramite il suo Capogruppo, Nicola Armentano, che ha replicato: “Non risultano risorse aggiuntive per gli ex occupanti dell’ex hotel Astor. L’amministrazione collabora con le autorità preposte per l’esecuzione degli sgomberi occupati e della successiva accoglienza delle famiglie con fragilità e minori, come tra l’altro previsto da indicazioni del ministero dell’Interno“.

Nicola Armentano, a sostegno di quanto replicato, evidenzia anche il fatto che il Viminale prevede misure economiche per assistere i nuclei familiari provenienti da situazioni di sgombero di immobili abusivamente occupati.

A tale dichiarazione il Capogruppo di Fratelli d’Italia, Alessandro Draghi, contestando apertamente il collega del PD Armentano, replica: “Quelle misure ci sono, è vero, ma sono pensate per persone in estrema difficoltà e posso assicurare che non tutti gli ex occupanti dell’Astor rientrano in questa casistica“.

Oggi sarà inevitabile lo scontro politico tra le parti prima che si proceda al voto e Draghi è pronto: “Carta canta: questo stanziamento io l’ho scovato spulciando la terza variazione di bilancio e si trova precisamente nell’allegato E, alle pagine 17-18-19.”

Il PD nega ancora tali affermazioni!

Siamo in attesa di notizia da Firenze!

A cura di Pier Luigi Cignoli – Foto Imagoeconomica

 

Editorialista Pier Luigi Cignoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui