In Cina precipitano le vendite al dettaglio, che ad aprile hanno registrato un tonfo dell’11,1% su un anno. È il secondo mese di seguito che si rileva un dato negativo di questo indice (a marzo vi era stato un -3,5%). Sono solo alcuni degli effetti che il Paese sta pagando per le rigide misure anti-Covid tornate in vigore.

Tra questi, un altro dato preoccupante è dato dal tasso di disoccupazione, che ad aprile è stato pari al 6,1%, un dato vicinissimo a quello storico che si registrò nel febbraio 2020 (6,2%), allo scoppio della pandemia.

In una nota, l’Ufficio nazionale di statistica ha riferito anche che la produzione industriale ha segnato, sempre ad aprile, una brusca frenata annua a -2,90%, contro attese a +0,4% e il +5% di marzo, centrando il primo calo da marzo 2020.

A cura di Renato Lolli – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui