Cesenalè Periodico sportivo fondato nel 1967

NOTTURNO BIANCONERO

Che momento è per il Cesena in questo inizio dicembrino, importante ma non ancora fondamentale nel contesto di stagione?
Il girone è equilibrato, con ancora parecchie formazioni raggruppate in pochissimi punti; inoltre ogni avversario è in grado di creare grattacapi se appena cala la concentrazione, si sottovaluta l’impegno.

Il discorso vale per tutti naturalmente, non solo per il Cesena e proprio per questo mister Toscano deve tenere alta l’attenzione dei suoi, per rimanere lì, magari approfittare di cali altrui.
L’allenatore, per fortuna, è di quelli esperti, consapevole inoltre che pure il freddo arrivato “prepotente” può creare grattacapi, sotto forma di infortuni, che andrebbero a ridurre ulteriormente i disponibili.
Diciamo che questo è il momento di “resistere”, di mantenere le posizioni di testa, senza disperdere quelle energie che in primavera potrebbero fare la differenza nella corsa promozione.

La concorrenza di sicuro non manca, agguerrita ed all’altezza della situazione, forte quanto il Cesena, ma non di più, con gli alti e bassi in cui un po’ tutti sono incorsi, cosa certificata dalla classifica del girone.
Nessuna formazione imbattuta, nove squadre racchiuse in cinque punti, un’alternanza al comando che conferma quanto scritto nelle precedenti righe; per questo il Cesena, il suo allenatore, devono essere bravi a gestire forze e risorse.
Poi sarà la Società a dover eventualmente intervenire sul mercato, considerando gli sforzi già compiuti in estate, ma per colmare quelle lacune di cui non solo il mister è conscio.

Nel calcio si cerca sempre di creare qualcosa che possa essere un gruppo omogeneo, fidando nelle caratteristiche e potenzialità dei singoli, nella capacità di ciascuno e in quel fattore determinante che è dato dalla personalità.
Il Cesena ha qualche lacuna e non tutti hanno sino ad ora dato il massimo; d’altra parte occorre considerare che sul mercato è andata in atto l’ennesima rivoluzione, tecnica ma non solo.

Si sono persi punti per strada, specie all’inizio, ma la calma ha riportato le cose sul giusto binario, quella calma, consapevole, che deve continuare ad essere prerogativa di tutte le componenti il Cesena, fuori e dentro il campo.
Il parere personale è poi che il Cesena abbia, rispetto alla maggior parte della concorrenza, un vantaggio che può essere fondamentale: i tifosi, quell’entità che non scende in campo fisicamente, ma che è in grado di essere spinta capace di tutto, in positivo.

Il Manuzzi Orogel deve tornare ad essere un fortino inespugnabile per chiunque, dopo i giorni difficili della pandemia, delle limitazioni; l’entusiasmo, il calore, non sono mai mancati a Cesena e devono tornare ad essere il di più che porta punti, vittorie, la promozione.

Il Direttore responsabile Maurizio Vigliani – Foto Luigi Rega

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui