TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

CESENA SUBITO NELLA GLORIA

RUSSI vs CESENA 52 – 69 (11 – 16, 34 – 35, 38 – 50)

BASKET CLUB RUSSI:Kertusha 3, Basaglia 9, Bergantini, Cortini 18, Samorì Matteo 4, Vistoli 4, Porcellini 9, Rosti 2, Samorì Luca, Rinaldini, Morigi 2, Campajola 1 All.: Tesei

CESENA BASKET 2005:
Rossi 3, Santoro 9, Zoboli 8, Domeniconi, Ravaioli 8, Pezzi 7, Giuliani, Montalti 18, Sanzani 8, Riascos Valois 4, Sangiorgi 2, Gennari 2 All.: Solfrizzi

Arbitri: Conte di S.Lazzaro e Rossi di Bologna

Non poteva iniziare in modo migliore il ritorno in campo dopo più di 18 mesi di inattività con l’esordio sul difficile campo di Russi che finisce in gloria a dispetto di un pronostico tutto a favore degli esperti padroni di casa. La piccola e giovane Cesena della nuova coppia Solfrizzi-Vandelli (sorridenti in foto a fine gara), invece, tiene il campo come una veterana e gestisce con sorprendente maturità anche i momenti più difficili del match facendo sempre (o quasi) la cosa giusta al momento giusto, respingendo i tentativi di rimonta di un avversario demoralizzato e in confusione già molto prima della fine.

Partenza arrembante di Cesena che scappa subito sui blocchi e Russi che fatica a mettersi moto, ma poi trova due triple e si riavvicina. Montalti e Santoro spingono ancora fino alla prima sirena con Basaglia che ricuce il gap al -5 di fine primo quarto. È ancora un eccellente Montalti a guidare l’assalto e firmare il +10 (23 a 13) che si mantiene solido e concreto fino a metà tempo. Russi alza i giri del motore e mette in campo i suoi muscoli e tutta la sua esperienza piazzando un parziale di 12 a 0 che la mette per la prima volta al comando delle operazioni, dando la sensazione di poter girare l’inerzia del match.

Cesena accusa il colpo ma reagisce e non si lascia intimorire; prima ricuce il gap poi sorpassa sul finire del quarto con Santoro e Sanzani. La partita si decide nel terzo quarto dove Russi sbanda paurosamente e Cesena che si prende, inaspettatamente, il comando delle operazioni con grinta e personalità, costringendo i padroni di casa ad un bottino di appena 4 punti.

Ancora Montalti e un convalescente Zoboli colpiscono con precisione, poi la tripla di Pezzi e i due liberi del solito Amerigo (11 su 11 alla fine) certificano il +12 di fine quarto: 50 a 38. Ultima frazione con Russi che si spegne pian piano e non reagisce quasi più (a parte uno stoico Cortini) mentre dall’altra parte vanno tutti in campo a portare grano in cascina e a chiuderla definitivamente con un +17 finale nemmeno lontanamente immaginabile.

Il vice Direttore Ugo Vandelli – Foto Redazione

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *