Matteo Salvini “ha ribaltato il partito ma gli è andata male. Torniamo ad occuparci della questione settentrionale, come fa Zaia”. Lo ha detto l’ex ministro leghista, Roberto Castelli, in un’intervista a La Stampa.

“Il sogno di Matteo Salvini di fare il premier finisce qui. Paga la sua incoerenza, non è più credibile”, ha detto ancora Castelli aggiungendo che Salvini cadrà “non a brevissimo.

Si arroccherà nel fortino, ma se continuerà con questo partito centralista allora nascerà qualcosa di nuovo. Magari sarà un partitino, ma almeno si attraversa il deserto e si riparte dalla questione settentrionale”.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui