TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

CARTABIA RIFORMA DA FARE SUBITO

Status quo non è un’opzione sul tavolo. Dopo quanto ho sentito su numeri delle pendenze, i tempi delle definizioni dei giudizi, i tempi delle trasmissioni degli atti, mi domando: possiamo noi stare inerti e fermi di fronte a una Giustizia che non è un Frecciarossa che in un’ora e dieci ci porta da Napoli a Roma, che non deve fermarsi mai nelle campagne di Frosinone, ma possiamo restare sul calesse perché Frecciarossa non si inceppi?” Queste le parole del ministro della Giustizia Marta Cartabia, che oggi ha incontrato nel Nuovo Palazzo di Giustizia di Napoli i capi degli uffici giudiziaria della Corte di Appello partenopea.

“Le forze politiche spingono in direzioni opposte. Ma la riforma deve essere fatta subito, con gli aggiustamenti tecnici necessari, perché lo status quo non può rimanere tale” ha ribadito Cartabia. “So molto bene che i termini che sono stati indicati sono esigenti per queste realtà, – ha aggiunto – perché partiamo da un ritardo enorme, ma non sono termini inventati, sono quelli che il nostro ordinamento e l’Europa definisce come termini della ragionevole durata del processo, che è un principio costituzionale”. “Io credo che siamo di fronte a un’occasione unica, non perdiamo il treno del recovery che sta passando, non facciamoci intrappolare in quello che è accaduto da decenni sulla giustizia italiana. Non possiamo stare fermi, – ha detto ancora Cartabia – abbiamo occasione di metterci in moto anche perché mai come in questomomento sono state mobilitate tante risorse che possono far fronte ai problemi”.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *