TOP Header adv (728×90)

VANO AFFONDA IL CESENA 4-1

CARPI (4-3-1-2): Nobile; Pellegrini, Sabitic, Ligi, Sarzi Puttini; Carta, Pezzi, Saber Hraiechr; Saric; Jelenic, Vano. A disp.: Rossini, Celeste, Rossoni, Varoli, Rolfini, Carletti, Romairone, Maurizi, Grieco, Lomolino, Fofana, Biasci. All.: Riolfo

CESENA (3-4-3): Agliardi; Maddaloni, Brignani, Sabato; Franchini, Franco, Rosaia, Valeri; Borello, Sarao, Russini. A disp.: Olivieri, Stefanelli, Ricci, Ciofi, Brunetti, De Feudis, Valencia, Capellini, Butic, Pantaleoni, Cortesi. All.: Modesto

ARBITRO: Fabio Natilla di Molfetta.
Assistenti: Luca Dicosta di Novara e Paolo Cubicciotti di Nichelino.

Cronaca 1 tempo – La partenza e’ emozionate per entrambe le formazioni che si ritrovano di fronte in serie C. La voglia matta e’ quella di giocare e di vincere, di superarsi davanti ad una bella cornice di pubblico con la temperatura da mare. Passano appena due minuti di gioco e la squadra di casa cerca di rendersi pericola con un un tiro dalla distanza di Pezzi, ma la palla prende una brutta traiettoria da non impensierire Agliardi.
Come accade spesso nel calcio dopo cinque minuti il Cesena alza il barientro e ha una ghiotta occasione per passare in vantaggio dopo una bel fraseggio di Rossini che allunga per Valeri il quale mette in mezzo per Sarao che fa il velo per favorire Franchini tutto solo davanti alla porta di Nobile, ma non si capisce come il suo tiro finisce alto. Modesto applaude, ma si dispera poi con le mani tra i capelli. I bianconeri insistono e al nono Rosaia con un siluro impensierisce seriamente il portiere di casa. Il Carpi soffre e prova a ritrovare mordente cosa che accade al dodicesimo con Saber che costringe Agliardi ad un miracolo. La gara rimane apertissima ed equilibrata, si goca a viso aperto con intensita’ emotiva.
Al ventesimo si rompono gli equilibri con il goal del Carpi che usufruisce di un corner, la difesa del Cesena cerca malamente di liberare l’area. All’interno della mischia, Vano è il più lesto ad avventarsi sul pallone e buca Agliardi da due passi, il bomber biancorosso non sbaglia.
Per un paio di minuti non accade nulla, i bianconeri sentono il colpo, la squadra di Riolfo amministra il vantaggio. Solo dopo la mezz’ora gli ospiti provano a reagire con Valeri, Borello, ma senza la giusta lucidita’. Si va verso la fine del primo tempo con il Carpi che sciupa il raddoppio. E, allora, come recita la solita storiella, goal mamgiato, goal subito…
Al 44′ Borello per il cavalluccio pareggia. Franchini scatenato riceve un pallone sulla trequarti, si incaponisce provando un’infinità di dribbling senza scaricare la palla ma alla fine ha ragione lui perché riesce ad arrivare sul fondo e mettere in mezzo per Borello che insacca in modo ravvicinato.
Natilla di Molfetta concede un minuto prima del riposo con le formazioni ferme sull’ 1-1.

Cronaca 2 tempo – Modesto manda in campo Ricci che prende il posto di Brignani. Nel Carpi non ci sono sostituzioni. Si riparte con la solita vivacita’ anche se fino al minuto 11 non succede nulla, a parte qualche tiro da fuori area che non impenseriscono i rispettivi portieri, si corre sul filo di lana per trovare un’idea vincente. Infatti l’equilibrio si spezza dopo due minuti ancora con Vano. Il Carpi affonda in verticale sulla fascia sinistra, Sarzi Puttini crossa in mezzo e l’attaccante arriva prima di tutti sul pallone piegando Agliardi. Al ‘ 21 pasticcio di Sabato che comnette fallo in area piccola, arriva prima l’espulsione per doppia ammonizione e poi il rigore per i padroni di casa. Jelenic trasforma e il Carpi cala il tris con il Cesena in inferiorita’ numerica fino alla fine della partita. Intanto Fofana prende il posto di Saber.
Al ’25 viene ammomito Ricci per fallo su di uno scatenato Vano. Dopo il terzo goal degli emiliani, il Cesena e’ stordito e non riesce a ripartire, il gioco e tutto della formazione casalinga che vuole il poker.
Al 30′ sostituzioni per il Carpi. Lomolino subentra a Sarzi Puttini. Biasci prende il posto di Jelenic che dopo un minuto per un suo errore madonarle non supera Agliardi, sarebbe stato il tracollo bianconero.
Al ’38 il Cesena ha la possibilita’ di accorciare Sarao colpisce il palo.
Un minuto dopo arrivano gli ultimi cambi per il Carpi. Carletti e Maurizi sostituiscono Vano e Carta. Il Carpi amministra facilmente il 3-1 e puo’ scrivere sul calendario la sua prima vittoria d’esordio.
Al ’45 Modesto inserisce Maddaloni e Rosaia al posto di Brunetti e Valencia, ma a poco serve se non a peggiorare, infatti Carletti trova la via per la quarta rete, il Cesena esce dal campo meritatamente trafitto da una squadra nettamente in regola per puntare al vertice.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *