TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

BOTTI E SEQUESTRI

La tradizione di salutare la fine dell’anno vecchio e l’arrivo di quello nuovo con le luci pirotecniche dei fuochi d’artificio è radicata nella cultura di molti italiani. L’utilizzo dei “botti di capodanno” può essere molto divertente, se fatto in sicurezza. Pertanto è di fondamentale importanza acquistare solo quelli legali, che per essere in regola con la normativa devono avere sulla confezione la marcatura CE (la cui presenza garantisce che il prodotto risponde ai requisiti dell’Unione europea in materia di sicurezza, salute e protezione ambientale), oppure un’etichetta che deve riportare gli estremi del provvedimento del ministero dell’Interno che ne autorizza il commercio, il nome del prodotto, la ditta produttrice, il Paese di produzione e l’importatore, la categoria, le principali caratteristiche costruttive e una descrizione chiara e completa delle modalità d’uso.

È importante ricordare che anche i giochi pirotecnici autorizzati e in libera vendita devono comunque essere sempre utilizzati con la massima cautela, seguendo le istruzioni allegate e sempre nel rispetto delle eventuali ordinanze dei sindaci che in molte città italiane limitano o vietano l’utilizzo dei fuochi artificiali. Purtroppo ogni anno sono prodotte tonnellate di botti illegali, venduti abusivamente da ambulanti e negozianti senza scrupoli – anche a minorenni – che possono essere molto pericolosi per la salute di coloro che li utilizzano o che si trovano nelle immediate vicinanze.

Le forze dell’ordine sono in prima linea anche per la prevenzione dei reati connessi alla vendita dei botti illegali e ogni anno, intercettano molti prodotti destinati al mercato clandestino. In questo periodo sono state sequestrate complessivamente circa una tonnellata e mezzo di artifici pirotecnici. A Cagliari 380 chili di materiale esplodente di vario tipo. A Crotone 70 chili di fuochi illegali.

A Roma 530 chili di materiale pirotecnico pronto per la vendita. A Palermo nel corso di due distinte operazioni, sono stati sequestrati 150 chilogrammi di artifici pirotecnici artigianali già pronti per essere smistati alle rivendite illegali. A Taranto intercettati 800 botti, per un totale di circa 40 chili, che erano in possesso di un pregiudicato insieme a droga e armi.

A Vibo Valentia grazie ai numerosi controlli agli esercizi commerciali che vendono materiale pirotecnico, in uno di questi, è stata riscontrata la mancanza della licenza necessaria per la vendita e il mancato rispetto della normativa riguardante la detenzione e custodia del materiale esplodente.

Sono stati sequestrati 360 chilogrammi di giochi pirotecnici. Tra poche ore, finalmente, questo “stramaledetto” 2020 ce lo leveremo dalle p…e!!! Confidiamo tutti insieme che il prossimo anno sia migliore. Auguri e buona vita. 

Il vice Direttore Ugo Vandelli – Fotolia

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *