TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

BOTTI DI MERCATO PALLONARO?

Il mercato del pallone pare essersi svegliato!
Ci hanno pensato Messi ed il Barcellona, che si lasciano dopo un “matrimonio” che pareva potesse durare all’infinito, a dare il primo bel colpo al mercato del calcio, un mercato di tante parole, tanti nomi, ma dove viceversa quello che manca, a tutti, sono i soldi.

Certo di Messi non più in blaugrana si era già parlato e pareva persino che, l’anno scorso, fosse arrivato il momento di salutarsi, cosa che è andata in onda in questi giorni, con la “Pulce” libera di accasarsi dove gli pare, pur se non è così ampio il ventaglio di chi possa davvero permetterselo; chi infatti oltre al City ed al PSG ha il budget per poterlo accogliere tra i propri calciatori?

Messi, in fin dei conti, non “squassa” il mercato, tuttalpiù chiude magari gli spazi a pochi altri, primo tra tutti CR7, che “sperava” vivamente di lasciare la triste Torino per Parigi, dove rispolverare antichi splendori e tornare in corsa-Champions; Ronaldo guadagna cifre astronomiche e, si dice in giro, non veda l’ora di lasciare la Juventus, specie adesso che è tornato mister Allegri, uno con cui (sempre stando alle voci che girano a Torino) non è che filasse tutto liscio ….

Ben altro discorso, e coinvolgimenti mercatari di conseguenza, è quello relativo all’assalto portato dal Chelsea nei confronti di Romelu Lukaku, la stella dell’Inter che, appena dopo essere tornata “regina scudettata”, rischia di dover abdicare prima ancora che i giochi abbiano inizio!
Via Conte, via Hakimi e se adesso se ne va pure Lukaku, si rischia di innescare un domino di partenze ben più allargato e pesante; questo non solo sulla sponda dei calciatori, dato che sia Marotta che Ausilio, stavano lavorando per partenze meno indolori per la rosa nerazzurra, anche se certamente meno …. remunerative per un bilancio quanto mai “piangente” ed oggi potrebbero decidere di salutare Zangh e compagnia, tanto un ingaggio lo trovano in men che non si dica.

Lukaku, nei suoi due anni all’Inter, ha rappresentato il di più della formazione, il calciatore cui appoggiarsi in qualsiasi momento e situazione, colui che ha maggiormente contribuito alla crescita prima ed alla conquista poi dello Scudetto; perderlo significa dover cercare soluzioni oggi tutte da costruire, anche perché con chi lo si sostituirà? Il mare di soldi che i londinesi offrono, serviranno per acquisti di grande spessore e valore, oppure andranno in gran parte a diminuire il debito, come pare vorrebbero i cinesi ed il Fondo che ha prestato loro i soldi per poter chiudere la passata stagione?

Di sicuro se Lukako se ne va, potrebbe innescarsi un giro di punte davvero “importante”, anche qui con tanti nomi in ballo, cifre che vanno dal tanto al troppo ed agenti che già si …. leccano i baffi ed aprono le tasche.

Nel fine settimana ne sapremo di più, anche perché pare che a Londra si vada al rialzo relativamente all’offerta, inserendo pure un calciatore a scelta interista e che Lukaku spinga per traslocare in terra d’Albione, che lui conosce bene, come conosce bene il Chelsea, dato che sarebbe la sua “terza volta” con i Blues e si tratterebbe di un ritorno in pompa magna, pagato a peso d’oro (e di chili Romelu ne ha non pochi), anche se poi il contraltare devono essere gol e trofei alzati ….

Con Messi finisce un’epoca, non solo a Barcellona, con Lukaku va (forse) in archivio una favola appena reiniziata, anche se i soldi sono soldi ed il calcio è pieno di gente rimasta a vivacchiare e di rimpianti da mancata cessione …. in fin dei conti è come giocare in Borsa, dove il detto più usato è …. vendi e pentiti …. al massimo con il calcio si può girare la frittata …. non vendi e pentiti …. e di esempi ce ne sarebbero a decine, anche di questi tempi, ma vallo a raccontare ai tifosi, che ne senti e leggi delle belle …. forse!

Il Direttore responsabile Maurizio Vigliani – Foto Lapresse

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *